Lun, 18 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Istat, il Pil del secondo trimestre è confermato a +2,7% rispetto al periodo precedente

Il dato si attesta al 17,2% sul secondo trimestre del 2020, una leggere revisione al ribasso rispetto al 17,3% indicato a fine agosto

Il PIL italiano nel secondo trimestre del 2021 è confermato al 2,7% rispetto al trimestre precedente, mentre si attesta al 17,2% sul secondo trimestre del 2020, una leggere revisione al ribasso rispetto al 17,3% indicato a fine agosto. E’ quanto rileva l’Istat, secondo cui rispetto al trimestre precedente tutti i principali aggregati della domanda interna registrano un’espansione, con aumenti del 3,4% dei consumi finali nazionali e del 2,6% degli investimenti fissi lordi.

Le importazioni e le esportazioni sono cresciute, rispettivamente, del 2,4% e del 3,2%.

La domanda nazionale al netto delle scorte ha fornito un contributo positivo di 3,1 punti percentuali alla crescita del Pil: +2,8 punti dai consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private ISP, +0,5 punti dagli investimenti fissi lordi e -0,2 punti dalla spesa delle Amministrazioni Pubbliche (AP). Per contro, la variazione delle scorte ha contribuito negativamente alla variazione del Pil per 0,8 punti percentuali, mentre l’apporto della domanda estera netta è risultato positivo nella misura di 0,3 punti percentuali.

Si registrano andamenti congiunturali positivi per il valore aggiunto di industria e servizi, aumentati rispettivamente dell’1,5% e del 3%, mentre è stazionario il valore dell’agricoltura.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus spesa, si può richiedere in cinque città italiane
Approvata una nuova tranche in alcuni Comuni italiani Sono stati riaperti i …
Ue, transizione energetica: rischio potenziale mille miliardi
Il rapporto del servizio studi del Parlamento Ue Secondo un rapporto predisposto …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: