Mer, 20 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Italia, terra di giovani parsimoniosi

Il 60% degli studenti nostrani descrive la gestione del proprio budget come “cauta”

Le conseguenze della pandemia hanno comportato un certo scombussolamento nella gestione dei piccoli e grandi problemi finanziari dei giovani di tutto il continente.

Uno studio compiuto dalla mobile bank N26 ci restituisce l’immagine di una generazione di risparmiatori coalizzati, pronti a fare fronte comune per affrontare la spesa costituita non solo da bollette (il 74% del campione) e da abbonamenti Internet (il 70%) ma anche – seppur in misura minore – dai più semplici generi alimentari (il 60%).

Una buona metà di loro, più precisamente il 55%, conferma il proprio status di nativi digitali ricorrendo ad apposite applicazioni deputate all’amministrazione dei conti, in particolare N26, Paypal e Bizum.

Entrando nello specifico italiano l’ambito accademico ha inciso non poco: il 50% degli studenti si è ritrovato costretto ad abbandonare la sede del proprio trasferimento o a tornare tra le braccia di mamma, mentre poco più di un quarto (il 27%) non ha avuto altra scelta che continuare a pagare l’affitto.

È una percentuale che quasi coincide con il numero di ragazze e ragazzi che affronta con ansia la propria situazione finanziaria, mentre si sfonda il 33% se si considera come preoccupazione di base l’assenza di risparmi sufficienti per far fronte alle spese quotidiane: il quadro di insieme, quindi, ci rivela che il 60% degli interpellati adotta un atteggiamento “cauto” nei confronti delle proprie risorse a disposizione.

Quando ci si rivolge alla propria famiglia? Principalmente per le cose più indispensabili, come la propria rete telefonica fissa (24%), le tasse universitarie (33%) e il supermercato (27%), mentre si fa riferimento alle proprie finanze soprattutto per quanto concerne gli svaghi, serate in compagnia, viaggi, abbonamenti TV e palestre su tutto.

di: Andrea BOSCO

FOTO: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

LEGGI ANCHE: Mutui, in calo le richieste tra luglio ed agosto. Unica eccezione i giovani

LEGGI ANCHE: Sud, è allarme giovani: via 1,6 milioni in 25 anni

Ti potrebbe interessare anche:

Switch off, 15 milioni di televisori verso la rottamazione
I dati di Aura che spiega quali sono i rischi ambientali È …
Piazza Affari chiude in rialzo, ad un soffio dal suo massimo in 13 anni
Bene le banche, male Nexi e Ferrari Piazza Affari chiude in rialzo …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: