Gio, 21 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Casa o ufficio? Il 47% degli italiani farebbe metà e metà

Tre italiani su quattro sentono la mancanza del proprio ufficio. Solo un italiano su quattro preferirebbe rimanere interamente in smartworking

Comodità o socialità? Metà degli italiani prenderebbe – come dicono gli anglofoni – il meglio dei due mondi.

L’emergenza sanitaria ha modificato per sempre la nostra concezione del lavoro e dei luoghi e delle modalità al suo svolgimento: l’indagine The Future of Work svolta in Italia da LinkedIn rivela che il 23% degli intervistati ha saputo adattarsi allo spostamento fra le mura di casa delle proprie incombenze professionali, mentre il 30% comincia a sentire la mancanza del proprio ufficio, soprattutto gli under 24, unica fascia anagrafica ad esprimere questa preferenza.

La percentuale che resta è per una soluzione diplomatica, che preveda alternativamente smartworking e lavoro in loco. È un compromesso che soddisfa in particolar modo le donne, favorevoli per il 52,9%, mentre lascia titubanti gli uomini, convinti soltanto per il 41,9%.

Quali vantaggi comporterebbe, invece, il telelavoro? In primis, secondo il 37% del campione, un migliore equilibrio tra vita personale e lavoro, poi l’addio ai disagi legati al pendolarismo (32%), mentre solo il 21% considera le quattro mura di casa come uno stimolo per una maggiore produttività; viceversa, esercitare la propria professione fuori casa sembra più proficuo per il 36% degli interpellati.

I nostalgici della scrivania e della macchinetta del caffè, d’altro canto, ritengono per il 44% una condizione irrinunciabile la presenza di colleghi e altre persone durante l’orario lavorativo, per il 30% considerano la sedentarietà garantita dallo smartworking come un potenziale danno alla loro salute fisica e mentale, mentre solo il 13% adduce motivi economici, avendo visto i propri consumi aumentati dal momento del loro trasferimento casalingo.

Il rientro in ufficio, in questo periodo di allentamento della pandemia, è comunque un’opzione considerata da un numero sempre maggiore di aziende, ma le reazioni dei dipendenti registrano una certa preoccupazione: solo meno della metà di loro, più precisamente il 44,5%, ha già accettato di tornare alle condizioni precedenti, mentre il 26% farebbe la stessa cosa soltanto a condizione di poter gestire un orario flessibile che preveda la modalità ibrida.

Il 14,7% considera invece il proprio ufficio un luogo non ancora totalmente sicuro e ha già fatto richiesta per rimanere in sicurezza a casa propria; il 12% dei partecipanti al sondaggio ha ricevuto un secco no dai propri datori di lavoro ed è già attivamente alla ricerca di un nuovo impiego e più o meno lo stesso numero di lavoratori sta meditando di licenziarsi dalla propria compagnia.

Una quantità pari al 6,7% del campione ha già liberato definitivamente la propria scrivania, fornendo come motivazione la necessità di gestire al meglio il proprio nucleo familiare (il 50%), di accudire i propri parenti anziani (il 39%), di preservare il proprio equilibrio psicologico (il 42%) e di evitare di fare quotidianamente avanti e indietro fra casa e ufficio (il 40,6%).

Infine, giocherà un ruolo molto importante l’estensione del Green pass a tutti i luoghi di lavoro, di cui abbiamo scritto qui, e che entrerà effettivamente in vigore fra pochi giorni: per tre datori di lavoro su quattro è indispensabile che il proprio intero organico abbia completato il ciclo vaccinale, mentre il 43% ritiene un’informazione imprescindibile sapere che i colleghi più prossimi sono in regola con l’immunizzazione.

di: Andrea BOSCO

FOTO: ANSA/MATTEO CORNER

LEGGI ANCHE: Pa, si torna in presenza entro la fine di ottobre. E lo smart working diventa una eccezione

LEGGI ANCHE: Allarme burnout: il 50% degli under 35 si licenzia per il troppo stress

Ti potrebbe interessare anche:

Barclays, utile raddoppiato nel terzo trimestre
Ora ammonta a due miliardi di sterline rispetto agli 1,1 di un …
Visco lancia l’allarme: “la ripresa dipende dal sostegno pubblico”
"Serve un fondo Ue per i debiti nazionali Covid" «Il quadro di …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: