Gio, 21 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Attenti, involtini primavera: la cucina danese alla conquista della Cina

Il colosso asiatico si prepara ad accogliere le proposte della gastronomia scandinava all’imminente China International Import Expo

Il mercato cinese è forse il territorio vergine più ambito per l’intera produzione occidentale, vuoi per il suo territorio sterminato e per il suo miliardo e mezzo di abitanti, vuoi per le sue recenti manovre riformiste.

Ad approfittare del nuovo momento favorevole è anche il settore del food, che annovera oggi fra i suoi esponenti più competitivi la Danimarca, pronta a esportare nella terra del drago rosso i suoi prodotti più appetibili e sicuri.

Secondo Martin Kristian Brauer, capo economista e direttore di area presso il Danish Agriculture and Food Council, «un sondaggio condotto in tre grandi città della Cina ha rivelato che i consumatori sono consapevoli del concetto di sostenibilità» e si presenta pertanto l’occasione di aumentare la quota di mercato di Copenhagen a Pechino.

Segnale evidente del successo della patria della Sirenetta in Cina è per esempio l’esportazione della carne di maiale, che ha registrato un introito di oltre 1,4 miliardi di dollari, una cifra pari al 26% della quota di mercato totale.

Ma sono ancora più impressionanti i dati registrati dal consorzio Food Nation nel settore agricolo: quasi la metà – più precisamente il 47,4% – delle esportazioni danesi di prodotti alimentari e agricoli ha avuto come destinazione l’antico punto d’arrivo orientale della Via della Seta, soprattutto per quanto concerne macchinari e merci a base biologica.

Il Paese amministrato da Xi Jinping non guarda solo al presente immediato ma, in vista di un futuro più green, si aggiorna ai tempi dell’ecosostenibilità: l’appuntamento perfetto per discuterne diplomaticamente sarà il China International Import Expo, 6 giornate di summit che avranno luogo a Shanghai a partire dal 5 novembre.

È un’occasione per la Danimarca per fare bella mostra delle proprie iniziative e delle proprie risorse, che saranno presentate da un numero considerevole di espositori: il responsabile delle delegazioni della Confederation of Danish Industry Soren Falck garantisce la presenza di “tutti i pesi massimi del business danese”.

di: Andrea BOSCO

FOTO: ANSA

LEGGI ANCHE: Food influencer, quando il cibo fa tendenza

Ti potrebbe interessare anche:

Best Global Brands: Tesla ha il maggior tasso di crescita. Tra gli italiani spiccano Gucci, Ferrari e Prada
Ai primi tre posti si piazzano Apple, Amazon e Microsoft. Il valore …
Covid, via libera in Ue allo Sputnik non prima del 2022
Mancherebbero ancora i dati necessari alle verifiche sull'efficacia. L'Italia però chiede un …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: