Gio, 21 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Istat, in frenata la produzione industriale: ad agosto -0,2% su base mensile

La variazione è nulla a livello annuale. Per il Codacons preoccupano i rincari dei prezzi e dell’energia

Battuta d’arresto per la produzione industriale. Dopo due mesi di crescita, secondo i dati diffusi oggi dall’Istat, ad agosto l’indice è sceso dello 0,2% rispetto a luglio.

Nel dettaglio è cresciuto per i beni strumentali (+0,8%), mentre è diminuito per l’energia (-2,1%), i beni di consumo (-2,0%) e i beni intermedi (-1,3%). La produzione è rimasta invariata su base annua.

Rispetto a febbraio 2020, mese antecedente l’inizio dell’emergenza sanitaria, il livello dell’indice di agosto è superiore dell’1,5%, al netto dei fattori stagionali. L’analogo confronto a livello settoriale evidenzia un calo per i beni di consumo e l’energia (rispettivamente -3,7% e -6,0%), una sostanziale stazionarietà per i beni strumentali e una crescita marcata per i beni intermedi (+4,6%).

Numeri che preoccupano il Codacons. «Il forte rialzo dei prezzi al dettaglio e le tensioni nel settore dell’energia hanno iniziato a far sentire i loro effetti sull’industria – spiega il presidente, Carlo Rienzi. – Non a caso il decremento più accentuato riguarda proprio i beni di consumo. Numeri che ci preoccupano, perché l’andamento dei listini al rialzo e l’aumento record delle bollette rischiano di avere sull’industria effetti ancora peggiori nei prossimi mesi, anche a causa dell’inevitabile riduzione dei consumi da parte delle famiglie».

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: EPA/JAN WOITAS

Ti potrebbe interessare anche:

Covid, via libera in Ue allo Sputnik non prima del 2022
Mancherebbero ancora i dati necessari alle verifiche sull'efficacia. L'Italia però chiede un …
Barclays, utile raddoppiato nel terzo trimestre
Ora ammonta a due miliardi di sterline rispetto agli 1,1 di un …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: