Lun, 18 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Mattoncini gender free: Lego rimuove le etichette “per ragazzi” e “per ragazze”

Il futuro dei giocattoli assemblabili danesi è all’insegna dell’inclusione, ma pesa lo scarso appeal dei prodotti “per femmine” sui maschi

Le differenze di genere oggi sembrano sempre più un ricordo: è il pensiero del colosso delle piccole costruzioni Lego, che si aggiorna ai tempi dell’inclusione e dell’abbattimento degli stereotipi identitari.

È l’indice di un atteggiamento progressista e capace di catturare lo spirito del tempo ma anche la necessaria corsa ai ripari per ovviare a possibili ripercussioni negative sulla vendita delle proprie linee di prodotti.

L’analisi condotta dal Geena Davis Institute on Gender in Media ha individuato una tendenza in realtà molto più vecchio stampo, ovvero l’insufficiente attrattiva per i maschi delle tipologie di giocattoli rivolte esplicitamente a un bacino d’utenza femminile.

Nuove misure, dunque, ma motivi che si trascinano da generazioni: la paura principale è quella di essere etichettati come “femminucce” e di subire le prese in giro del branco, un timore che a dire il vero investe più i genitori rispetto ai figli.

Addio, quindi, alle suddivisioni in base al genere: d’ora in avanti le scatole della Lego saranno differenziate solo in base alla “passione”, ossia alla sfera di interesse.

di: Andrea BOSCO

FOTO: ANSA/LEGO

LEGGI ANCHE: Lego, vendite e i profitti record nel primo semestre 2021

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus spesa, si può richiedere in cinque città italiane
Approvata una nuova tranche in alcuni Comuni italiani Sono stati riaperti i …
Ue, transizione energetica: rischio potenziale mille miliardi
Il rapporto del servizio studi del Parlamento Ue Secondo un rapporto predisposto …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: