Lun, 06 Dicembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Stellantis, accordo con Samsung SDI per conquistare il mercato Usa

Le due società hanno stipulato un memorandum d’intesa per la creazione di una joint venture mirata alla produzione di celle e moduli batteria per il Nord America

Stellantis procede a ritmo spedito la sua corsa nell’elettrificazione. Il gruppo automobilistico, nato dalla fusione di Fca e Psa, ha annunciato oggi un accordo con Samsung SDI, stipulando un memorandum d’intesa per la creazione di una joint venture mirata alla produzione di celle e moduli batteria per il Nord America. «Con i prossimi impianti di batterie che apriranno i battenti a breve, saremo ben posizionati per competere e infine conquistare il mercato nordamericano dei veicoli elettrici – ha dichiarato Carlos Tavares, CEO di Stellantis. – La nostra strategia di collaborazione con partner altamente qualificati migliora la velocità e l’agilità, caratteristiche necessarie per progettare e realizzare veicoli sicuri, accessibili e sostenibili, in grado di soddisfare nel dettaglio le esigenze dei clienti».

Soddisfatto anche Young-hyun Jun, presidente e CEO di Samsung SDI. «Siamo onorati di dare vita a una joint venture dedicata alla produzione di batterie con Stellantis, azienda che sta accelerando la sua strategia di elettrificazione in quest’era votata all’energia green. Con questa joint venture, faremo tutto il possibile per soddisfare gli elevati standard dei nostri clienti nel mercato nordamericano dei veicoli elettrici, sfruttando la tecnologia delle batterie, i prodotti di elevata qualità e le misure di sicurezza di Samsung SDI».

Stellantis ha comunicato di essere un buon punto nel processo che punta ad assicurare la capacità annuale necessaria per la produzione di batterie per veicoli elettrici. L’obiettivo è di portare le vendite di veicoli elettrificati negli Stati Uniti a oltre il 40% del totale entro il 2030. Il gruppo prevede di investire oltre 30 miliardi di euro entro il 2025 nell’elettrificazione e nello sviluppo software, puntando a mantenere il 30% di efficienza in più rispetto alla media del settore nel rapporto tra la spesa totale di R&S e in conto capitale rispetto ai ricavi.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Azimut, superati i 17 miliardi di raccolta nel 2021 trainata dai mercati privati
A novembre la raccolta netta è positiva per 761 milioni. I private …
Coldiretti/Censis, oltre 6 italiani su 10 sfidano il Covid e tornano a fare acquisti nei negozi fisici
Il fenomeno è trainato soprattutto dall'esperienza dei mercati contadini, indicato dal 73% degli …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: