Lun, 29 Novembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Gianluca Vacchi investe nel food: nasce Kebhouze

Il re dei social aprirà cinque nuovi locali in Italia, tra Milano e Roma

Diventato famoso con i suoi balletti su Instagram e TikTok, l’imprenditore Gianluca Vacchi ha ormai 41 milioni di followers ed è a tutti gli effetti considerato una testa coronata dei social network.

Non sorprende dunque che abbia scelto proprio questi canali per annunciare la sua nuova impresa nel settore Food: Kebhouze, un brand di kebab.

Sono previste cinque aperture a inizio dicembre: tre a Milano e due a Roma. Nella Capitale i locali si troveranno al Centro Commerciale Euroma2 e a Via Ostiense, mentre a Milano in Corso Buenos Aires, Via Paolo Sarpi e Porta Genova.

La grossa novità sta nel prodotto: Kebhouz presenterà il pollo in due versioni, 100% italiano o di black angus. Ma il menù prevederà anche burger di kebab, caesar salad, i fritti, dai nuggets ai chicken popcorn, agli onion rings fino alle intramontabili patatine fritte. «Quando mi hanno descritto il progetto – ha spiegato Vacchi – ho colto immediatamente l’enorme potenziale del format: nel 2021 è molto difficile avere un’idea così innovativa in un settore maturo come quello del food. C’è un problema di diffidenza verso il kebab. Lo avevo anche io. Non c’è un piatto più semplice: piadina, carne e qualche condimento. Ovviamente ho richiesto che ogni ingrediente e materia prima siano di massima qualità».

Kebhouze punterà sulla sostenibilità con food packaging eco-friendly e sul madre in Italy con la valorizzazione delle aziende italiane, da cui viene fornita tutta la carne, e dei produttori locali, con cui ad esempio si è instaurata una collaborazione sulla produzione di due diverse birre artigianali.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Chiude bene Piazza Affari
Eni guida l’ascesa dei titoli oil in scia al rimbalzo del petrolio, …
Omicron, G7 Salute: “la variante è altamente trasmissibile e richiede azione urgente”
Ad oggi 33 casi in 8 Paesi Ue, asintomatici o non gravi. …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: