Ven, 03 Dicembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Bankitalia, crescono le spese in tecnologie fintech: 530 milioni per il biennio 2021-2022

Il dato è in crescita rispetto ai 456 milioni di euro del biennio precedente. Aumenta il numero di intermediari investitori e di progetti censiti nel campo delle nuove tecnologie finanziarie

Crescono le spese fintech nell’industria finanziaria italiana stimata, per il biennio 2021-2022, a 530 milioni di euro, in crescita rispetto al biennio precedente (456 milioni di euro). È questo il risultato principale emerso dalla terza indagine conoscitiva sul fintech nel sistema finanziario italiano. Lo studio è stato condotto da Banca d’Italia nel primo semestre 2021 su 59 gruppi bancari, 53 banche non appartenenti a gruppi e 51 intermediari non bancari, selezionati in base ai volumi di operatività.

Dal report emerge che aumenta anche il numero degli intermediari investitori (da 77 a 96 unità) e dei progetti (da 267 a 329), suggerendo “un maggior tasso di adozione di tecnologie innovative all’interno del sistema finanziario“. 

Il 46% degli intermediari ha stretto almeno un rapporto di collaborazione in ambito fintech; in totale sono stati censiti 330 accordi riferibili a 199 distinte imprese. Le partnership sono per lo più finalizzate all’innovazione delle aree del credito e della raccolta del risparmio, delle business operations e dei pagamenti, con quote rispettivamente pari al 29, al 28 e al 24%. In circa un terzo dei casi le collaborazioni comportano lo sviluppo e l’utilizzo di API e altri strumenti di integrazione nella logica dell’open banking; sono inoltre rilevanti le collaborazioni per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e delle applicazioni web o mobile (entrambe con pesi pari al 10%).

I progetti di investimento segnalati sono 329, per un importo medio di 4,4 milioni di euro. Il 28,9% dei progetti è incentrato sulle API; i restanti progetti sono distribuiti, con quote decrescenti tra il 12% e l’8%, sul cloud computing, la RPA, la biometria, il ML e i big data. Il 14,9% dei progetti è costituito da prototipi e circa un quarto di essi è in fase di realizzazione avanzata; il 58,4% viene già sfruttato commercialmente. Poco meno di un quinto dei progetti sono concepiti e realizzati dagli intermediari completamente in house, cioè senza alcun contributo esterno; i restanti progetti sono sviluppati con la collaborazione di società e istituzioni terze.

I destinatari delle innovazioni sono per metà famiglie consumatrici e per un quarto imprese.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Ti potrebbe interessare anche:

Lavoro Usa, +210.000 nuovi posti a novembre, molto meno delle attese
Il tasso di disoccupazione Usa è sceso a novembre dal 4,6% al …
Infanzia, Draghi: “in arrivo il 70% di posti nido in più con il Pnrr”
Verranno ristrutturati almeno mille edifici per ampliare l'offerta del tempo pieno con …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: