Sab, 22 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Reddito di libertà, via alle richieste

Il sussidio è destinato alle donne vittime di violenza e sarà erogato dall’Inps

È finalmente partito il progetto del reddito di libertà (ne avevamo già parlato qui). Il sostegno è destinato alle donne vittime di violenza che potranno usufruire di un contributo mensile di massimo 400 euro per non più di un anno. I soldi provengono da un fondo appositamente istituito dal Governo per sostenere il diritto di emancipazione delle donne che si trovano in condizioni indigenti anche a causa di un partner violento e che potranno così sostenere spese abitative e per i figli.

È possibile richiedere il reddito di libertà tramite il nuovo modulo Inps che significativamente estende la platea anche alle donne extracomunitarie. Questo reddito, oltre a essere esente da Irpef, è compatibile con altri sostegni, dal reddito di cittadinanza ai sussidi economici come la NASpI o la Cig.

Il reddito è dunque richiedibile da qualunque donna, con o senza figli, sia seguita da uno dei centri antiviolenza riconosciuti dalle Regioni o dai servizi sociali all’interno dei percorsi predisposti. Il sussidio sarà applicabile principalmente per le spese abitative e il mantenimento proprio o dei propri figli, compreso il loro percorso abitativo.

Il documento per richiedere il reddito di libertà è disponibile nella sezione delle Prestazioni sociali sul sito dell’Inps (qui).

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/ FILIPPO MONTEFORTE

Potrebbe interessarti anche:

Bonus matrimoni 2022, Mise e Mef sbloccano 60 milioni per il comparto
Il settore degli eventi ha perso il 90% del fatturato nel 2020. …
Lotteria degli scontrini 2022: premi per clienti ed esercenti nella lotta all’evasione
Il cliente potrà segnalare l'esercente che si rifiuta di acquisire il codice …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: