Ven, 21 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Bonus casa, scatta l’obbligo del visto di conformità

L’Agenzia delle entrate ha risposto ai dubbi sollevati dai cittadini sul nuovo regime anti-frodi

Il nuovo decreto anti-frodi ha introdotto l’obbligo di apposizione del visto di conformità e dell’asseverazione per i bonus edilizi, in modo da contrastare gli abusi con controlli preventivi, listini di prezzi bloccati e stop alla cessione del credito o allo sconto in fattura se emergono quelli che si definiscono “profili di rischio”.

La novità principale è proprio l’estensione dell’obbligo del visto di conformità per tutte le detrazioni fiscali per i lavori edilizi, anche per quelli diversi dal Superbonus.

L’Agenzia delle entrate tramite le Faq pubblicate sul sito ha cercato di dare una linea chiara ai contribuenti. Si è espressa su un caso in cui un contribuente, a seguito della ricezione della fattura da parte di un fornitore, ha effettuato l’11 novembre il pagamento a suo carico, ma al 12 novembre (data di entrata in vigore del decreto) non ha ancora trasmesso all’Agenzia la comunicazione per lo sconto in fattura: in questo caso specifico, l’Agenzia ha chiarito che non sono richiesti i visti, perché per i bonus edilizi diversi dal Superbonus l’obbligo di visto di conformità non si applica prima del 12 novembre 2021; perciò non sussiste per coloro che hanno ricevuto le fatture da parte di un fornitore, assolto i relativi pagamenti ed esercitato l’opzione per la cessione o per lo sconto in fattura, anche se la relativa comunicazione non è stata ancora inviata, prima di questa data.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Data breach, il furto di dati personali in Ue cresce dell’8%
Solo in Italia nell'ultimo anno gli attacchi informatici ransomware sono aumentati dell'81% …
GDO: il comparto dei sughi fra rialzi e tendenze
Nel 2021 il settore ha visto incrementare i propri volumi e, contemporaneamente, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: