Lun, 24 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Roaming dati, prolungato l’addio di altri 10 anni. Se ne riparla nel 2032

Parlamento e Consiglio Ue hanno raggiunto l’accordo nella notte, con il 5G incluso

Il roaming dati in Europa resta gratis fino al 2032. Parlamento e Consiglio Ue ce l’hanno fatta ad accordarsi per prorogarlo di 10 anni, estendendolo anche al 5G. L’accordo non era affatto scontato visto che fino a ieri c’erano ancora divisioni sulla questione.

«Viaggiare all’estero senza doversi preoccupare delle bollette telefoniche è una parte tangibile dell’esperienza del mercato unico dell’Ue, stiamo garantendo una migliore qualità e servizi e una maggiore trasparenza per tutti i cittadini dell’Ue», ha commentato il commissario Ue Thierry Breton.

Soddisfazione anche da parte del Parlamento europeo. «Stiamo creando un mercato del roaming più equo, concentrandoci in particolare sugli operatori più piccoli, riducendo in modo significativo i massimali all’ingrosso. In qualità di capo negoziatore del Parlamento europeo, il mio obiettivo era migliorare significativamente la situazione per i consumatori» ha detto l’eurodeputata Angelika Winzig.

Nello specifico quindi i cittadini del Vecchio Continente potranno quindi continuare a usare i propri cellulari quando si recano all’estero, all’interno dell’Ue, senza costi aggiuntivi rispetto alle tariffe nazionali. Si avrà diritto alla stessa qualità e velocità di connessione all’estero come nel proprio Paese, ovunque siano disponibili reti equivalenti.

Tra le novità previste dall’intesa c’è anche l’accesso senza alcun costo aggiuntivo ai servizi di emergenza, sia tramite chiamata sia sms, inclusa la trasmissione delle informazioni sulla posizione di chi chiama. Gli operatori delle telecomunicazioni saranno tenuti a fornire informazioni sul numero di emergenza europeo 112.

I prezzi che gli operatori si addebitano a vicenda quando i loro clienti utilizzano altre reti durante il roaming nell’Ue saranno invece limitate a due euro per Gigabyte dal 2022 progressivamente fino a 1 euro nel 2027. Se i consumatori superano i limiti del contratto durante i loro viaggi, eventuali costi aggiuntivi non potranno essere superiori a queste soglie.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: AFP

Ti potrebbe interessare anche:

Lunedì nero a Piazza Affari, prosegue la scia rossa in Europa
Le borse pagano l'influenza di Wall Street, pesano le tensioni internazionali Le …
Diesel, il nuovo Ceo del Nord America è Eraldo Poletto
L'obiettivo è rafforzare la presenza sul mercato Usa e canadese Diesel ha …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: