Gio, 27 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Lavoro precario e gender gap: un contratto femminile su due a tempo parziale

Dei nuovi rapporti di lavoro siglati nel primo semestre del 2021, appena il 38% è indeterminato

Gli strascichi della pandemia sul mercato del lavoro hanno accentuato il fenomeno della precarietà e della discontinuità occupazionale, specialmente per le donne. A confermarlo ancora una volta è l’InappIstituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche che ha aggiornato l’edizione 2021 del Gender Policies Report.

Qui si evidenzia come solo il 14% dei nuovi contratti sia a tempo indeterminato; anche in caso di stabilizzazione da altri contratti, la percentuale dell’indeterminato è appena il 38%. Per quanto riguarda il gap fra donne e uomini, quasi la metà dei contratti femminili sono a tempo parziale (49,6%), contro il 26,6% degli uomini.

L’aumento delle disuguaglianze di genere è cresciuto durante la pandemia, anche perché le donne si sono spesse trovate “di fronte al bivio di scegliere tra lavoro e famiglia“, ma poggia su un “dato strutturale dell’occupazione che vede al 67,8% il tasso di occupazione degli uomini e al 49,5% quello delle donne“, come ha spiegato il presidente dell’Inapp Sebastiano Fadda.

Danno forza a questa tesi altri dati sull’occupazione emersi dal report; si pensi ad esempio al fatto che nel primo semestre del 2021 i nuovi contratti attivati sono stati più di tre milioni; fra questi, riguardava le donne il 39,6% del totale. Un dato distribuito equamente anche a livello geografico, con una forbice che parte sotto la soglia del 40% in Abruzzo, Calabria, Lazio, Lombardia, Molise e Puglia e cresce nelle altre Regioni, fino a toccare il massimo del 46,6% in Trentino-Alto Adige.

A tal proposito è interessante notare come nelle Regioni del Sud le nuove assunzioni non superino mediamente quota 80mila, ma abbiano comunque un’incidenza dei contratti a tempo indeterminato superiore alla media nazionale.

Meno assunzioni, ma più stabili: questo il trend del Meridione. Ne sono un caso esemplare la Campania, dove le assunzioni nel semestre di riferimento sono state 75mila, di cui il 21,4% a tempo indeterminato, e la Calabria, che a fronte di appena 20mila contratti ha registrato una quota di indeterminati del 18%.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA

Potrebbe interessarti anche:

La strana storia di SpiceDao, il gruppo di utenti che ha vinto all’asta lo storyboard di Dune
L'organizzazione si è accaparrata l'opera scritta dal regista Jodorowsky per realizzarne una …
Lavoro, il retail continua a soffrire
Secondo un'analisi condotta dall'agenzia Jobtech il settore della vendita al dettaglio è …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: