Mer, 19 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Le novità del Bonus Mobili prorogato fino al 2024

Cambia il tetto massimo di spesa detraibile per l’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici: 10 mila euro nel 2022 che scende a 5.000 per il 2023 e il 2024

In attesa del via libera della Camera, la Manovra, già approvata in Senato (leggi qui), estende fino al 31 dicembre 2024 il Bonus mobili. Ecco cosa sapere.

L’incentivo permette di portare in detrazione le spese sostenute per l’acquisto di arredi ed elettrodomestici. Il limite massimo di spesa detraibile per il 2022 passa da 16 mila euro, secondo quanto previsto fino al 31 dicembre 2021, a 10 mila euro. Nel 2023 e nel 2024, invece, il tetto verrà ridotto a 5.000 euro.

Il Bonus mobili, comunque, è considerarsi legato al bonus per la ristrutturazione edilizia e spetta, dunque, per mobili ed elettrodomestici acquistati durante lavori di recupero del patrimonio edilizio iniziati nel 2021.

Nel dettaglio, il bonus prevede una detrazione Irpef del 50%, da recuperare in 10 anni, per le spese relative all’acquisto di mobili nuovi e grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga). Rientrano: armadi, letti, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, divani, poltrone, credenze, comodini, materassi, apparecchi di illuminazione. Sono invece esclusi tende e tendaggi, porte, pavimenti. Tra i grandi elettrodomestici, sono da considerarsi: frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga, asciugatrici, lavastoviglie, stufe elettriche, apparecchi di cottura, piastre riscaldanti elettriche, forni a microonde, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento.

I pagamenti vanno fatti tramite bonifico, carta di debito o carta di credito. Sono altresì ammessi i finanziamenti a rate, purché la società che eroga il finanziamento paghi con le stesse modalità e rilasci una copia del pagamento al contribuente.

I documenti da conservare e presentare sono l’attestazione del pagamento e le fatture con i dati su natura, qualità e quantità dei beni acquistati.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/ CLAUDIO LATTANZIO

Ti potrebbero interessare anche:

Bonus casalinghe 2022, tutto quello che c’è da sapere
Entro il 31 marzo dovranno essere presentati i progetti per il bando …
Quanto vale la Supercoppa italiana?
Quest'anno se la giocano Inter e Juve, che hanno vinto rispettivamente  la …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: