Gio, 27 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Istat, sale la pressione fiscale: è al 41% nel terzo trimestre 2021

Crescono reddito e consumi delle famiglie, cala il risparmio. L’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al -6,2% dal -9,8% nello stesso trimestre del 2020

La pressione fiscale in Italia si attesta al 41% nel terzo trimestre 2021, in aumento di due punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo rende noto oggi l’Istat nel report Conto trimestrale delle Amministrazioni pubbliche, reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società.

Nello stesso periodo il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dell’1,8% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti del 3,6%. La propensione al risparmio delle famiglie è stata pari all’11%, in diminuzione di 1,6 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

Sempre nel terzo trimestre 2021 l’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche (AP) in rapporto al Pil è stato pari al -6,2% dal -9,8% nello stesso trimestre del 2020. Il saldo primario delle AP (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un’incidenza sul Pil del -2,9% (-6,4% nel terzo trimestre del 2020). Il saldo corrente è stato anch’esso negativo, con un’incidenza sul Pil del -2,0% (-4,2% nel terzo trimestre del 2020).

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

La strana storia di SpiceDao, il gruppo di utenti che ha vinto all’asta lo storyboard di Dune
L'organizzazione si è accaparrata l'opera scritta dal regista Jodorowsky per realizzarne una …
Lavoro, il retail continua a soffrire
Secondo un'analisi condotta dall'agenzia Jobtech il settore della vendita al dettaglio è …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: