Mer, 19 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Colloquio di lavoro, ecco come può cambiare nel post-lockdown

I suggerimenti degli head hunter di Adami&Associati

La pandemia ha cambiato drasticamente ogni aspetto della quotidianità e il lavoro non fa eccezione. Per questo chi oggi è alla ricerca di un impiego deve tener presente che il riferimento all’attualità e al contesto in cui si vive acquisisce una rilevanza fondamentale in sede di colloquio.

Secondo la Adami&Associati, una società di “cacciatori di teste” dal punto di vista delle risorse umane, è importante in particolar modo non farsi prendere alla sprovvista: e per questo offrono alcuni consigli che partono dalla necessità dei datori di lavoro di cambiare metodologia di caccia e selezione del personale dopo le restrizioni.

Chi è in cerca di lavoro, e dopo aver inviato il proprio CV in risposta a un annuncio viene contattato, deve stare attento a non cadere nel tranello di domande tipo “come ha vissuto i mesi di lockdown?” e, ancora, “cosa ha fatto durante la pandemia per migliorare la sua situazione professionale o personale?“.

La società infatti spiega che l’emergenza ha portato le aziende a ripensare anche il modo di affrontare e di percepire le crisi, con conseguenze anche sul piano della produzione e dell’amministrazione. «Come conseguenza di tutto questo sono cambiati in modo sensibile anche i colloqui di lavoro, e dovrebbero esserne consapevoli sia le persone alla ricerca di un nuova occupazione, sia gli addetti HR e i manager che si troveranno a gestire o a partecipare a questi delicati incontri», ha confermato la fondatrice Carola Adami.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus casalinghe 2022, tutto quello che c’è da sapere
Entro il 31 marzo dovranno essere presentati i progetti per il bando …
Quanto vale la Supercoppa italiana?
Quest'anno se la giocano Inter e Juve, che hanno vinto rispettivamente  la …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: