Gio, 26 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Bonus per le imprese energivore: ecco il codice tributo

Le istruzioni per ottenere il credito d’imposta previsto dal decreto Sostegni-ter, pari al 20% delle spese sostenute per la componente energetica

Sono arrivate le istruzioni per permettere alle imprese a forte consumo di energia elettrica (energivore) di ottenere il credito d’imposta previsto dal decreto Sostegni-ter, pari al 20% delle spese sostenute per la componente energetica acquistata ed effettivamente utilizzata nel primo trimestre 2022.

La risoluzione n. 13/E pubblicata oggi istituisce infatti il codice tributo che potrà essere utilizzato dalle aziende in possesso dei requisiti per accedere all’agevolazione, indicati nel decreto Mise del 21 dicembre 2017.

L’articolo 15 del decreto Sostegni-ter (Dl. n. 4/2022) ha introdotto un contributo straordinario, sotto forma di credito d’imposta, a favore di quelle imprese caratterizzate da un alto impatto dei costi energetici rispetto all’attività svolta, per garantire loro una parziale compensazione degli extra costi sostenuti a causa dell’eccezionale innalzamento del prezzo dell’energia. Il credito d’imposta, utilizzabile esclusivamente in compensazione, non concorre alla formazione del reddito d’impresa né della base imponibile Irap ed è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo non porti al superamento del costo sostenuto.

Per poter accedere al beneficio e è necessario che la media dei costi per KWh della componente energia elettrica relativi all’ultimo trimestre 2021, al netto delle imposte e degli eventuali sussidi, sia superiore del 30% rispetto alla media di quelli relativi all’ultimo trimestre del 2019.

Il codice tributo da utilizzare per usufruire del credito d’imposta è “6960”. Il codice dovrà essere inserito nel modello F24 nella “sezione erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati” oppure, nei casi in cui l’esercente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”.

Per utilizzare il credito in compensazione, il modello F24 deve essere presentato esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/LUCA ZENNARO

Ti potrebbe interessare anche:

Gas, accordo Eni-Sonatrach: attesi tre mld metri cubi di gas dall’Algeria
E' stato siglato un memorandum d'intesa tra il presidente di Sonatrach, Toufik …
Investimenti green, la Sec impone regole precise
Due le proposte della Sec per regolamentare l'industria degli investimenti green. Si …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: