Ven, 20 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Omosessualità: uno svantaggio sul lavoro

Il mondo del lavoro non è LGBT+ friendly per una persona su cinque

Secondo i dati Istat, un italiano su cinque ritiene che il proprio orientamento sessuale ha causato degli svantaggi a livello lavorativo. Sono venuti meno avanzamenti di carriera, crescita professionale, riconoscimento e apprezzamento delle capacità professionali.

Il campione preso in esame dall’indagine è quello delle persone in unione civile o che si sono unite civilmente in passato (e sono al momento separate o vedove).

Il quadro dipinto dalla rilevazione Istat-Unar sulle discriminazioni lavorative nei confronti delle persone LGBT+ nel 2020-2021 è, quindi, molto problematico. Secondo il parere del il 26% delle persone occupate o ex-occupate il solo essere omosessuale o bisessuale ha rappresentato uno svantaggio per quanto riguarda la carriera lavorativa.

Il 40,3% del campione intervistato ha ammesso che sul posto di lavoro ha preferito evitare di parlare della vita privata per tenere nascosto il proprio orientamento sessuale (41,5% le donne e 39,7% gli uomini). Una persona su cinque ammette di aver evitato di frequentare i colleghi nel tempo libero per non rischiare di rivelare il proprio orientamento sessuale.

L’impressione di uno svantaggio a riguardo del livello del reddito è, invece, meno diffusa.

di: Flavia DELL’ERTOLE

FOTO: PIXABAY

Ti potrebbe interessare anche:

Palamar: “resto dentro Azovstal”
Secondo i media russi, Sviatoslav “Kalina” Palomar aveva abbandonato l’acciaieria Azovstal ieri …
Russia: “metà dei clienti europei di Gazprom ha già aperto conto in rubli”
Lo ha dichiarato il vicepresidente della Federazione Russa Novak Il vicepresidente della …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: