Ven, 20 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

The Paac: la start-up che ha risolto il problema femminile del “Non ho niente da mettere”

Scegliere cosa indossare non è mai stato cosi facile

È un classico: ti svegli la mattina e, quando sei pronta per vestirti, apri l’armadio e pensi “non ho niente da mettermi!”. Secondo la giornalista britannica del Times Caitlin Moran quando una donna dichiara di non aver nulla da indossare, ciò che davvero intende è “non c’è nulla in questo guardaroba per la persona che mi sento oggi”.

Immaginate adesso di avere a disposizione un “guardaroba illimitato”. Sicuramente potreste provare gli stili e i trend del momento, indossare tutti i capi che desiderate, sentendovi libere di cambiare ed essere ogni giorno la donna che volete. Tutto questo senza alcun limite grazie a The Paac. Ce lo racconta nel dettaglio Alessandro Franzese, uno dei fondatori e attualmente Chief Executive Officer della startup.

Quando vai a fare shopping è difficile che tu faccia acquisti in maniera eclettica e avventurosa: tendiamo tutti ad avere dei gusti prestabiliti, che si traducono in un vestiario coerente, ma un po’ noioso. È un guardaroba che non si adatta tanto rapidamente quanto i trend che vediamo sui social e sulle riviste, per motivi di budget e di spazio, e, sempre di più, iniziamo a sentirci in colpa per l’inquinamento causato dall’industria tessile. Le ricerche suggeriscono che, in media, un capo viene archiviato o gettato dopo essere stato indossato solo sette volte. Sembra incredibile, ma è vero. Con numeri così, perché mai acquistare un vestito che accantonerai dopo qualche settimana, ma resterà sul fondo dell’armadio per sempre? Quindi ci siamo chiesti:”E se ci fosse un modo che permetta alle donne di avere un guardaroba infinito che cambia continuamente in base alle esigenze?”

È così che è nata The Paac.

Immaginatevi il Netflix della moda: pieno di stile, conveniente, e a portata di click. The Paac è un’azienda Made in Italy fondata proprio con le necessità fashion della donna moderna in mente, per facilitare l’espressione della personalità tramite lo stile unico di ciascuna.

Come funziona il noleggio abiti con The Paac? Basato sul potere della sharing economy (economia collaborativa), The Paac ti consente di abbonarti e scegliere i capi da indossare anche con l’aiuto di un personal shopper high-tech che ti suggerisce stili diversi a seconda dei tuoi gusti e dell’occasione per cui stai facendo shopping. Il tuo Paac arriverà tramite corriere e conterrà i tuoi quattro capi preferiti, che potrai indossare come se fossero tuoi per due settimane. Al termine di questo periodo hai una scelta: acquistare i capi di cui non puoi più fare a meno a un prezzo scontato, oppure restituirli.

E se questo Paac se ne va, un altro è in arrivo, con la tua nuova selezione di indumenti che ti permette di aggiornare il tuo guardaroba continuamente, dandoti licenza di sperimentare con il tuo stile, senza l’impegno dato dall’acquisto tradizionale. Inoltre, The Paac ha un generoso sistema di crediti (€10 per ogni Paac) cumulabili che possono essere spesi per l’acquisto dei tuoi capi preferiti. Anche l’importo dell’abbonamento è contenuto, soprattutto se paragonato al numero ed al  valore dei capi indossabili (8 capi al mese del valore medio di circa 1500€): soli 98€/ mese per il piano Smart e 158€/mese per il Premium.

Insieme al B2C The Paac ha sviluppato un business model B2B che si rivolge direttamente ai brand che sentono la necessità di capitalizzare l’opportunità di mercato proposta dall’azienda, aiutandoli a gestire l’aspetto logistico e manutentivo della piattaforma.

Con il codice B24PAAC riceverete 20€ di sconto sulla vostra prima box.

Indossa. Divertiti. Ripeti. La rivoluzione è adesso con The Paac.

Ti potrebbero interessare anche:

Palamar: “resto dentro Azovstal”
Secondo i media russi, Sviatoslav “Kalina” Palomar aveva abbandonato l’acciaieria Azovstal ieri …
Russia: “metà dei clienti europei di Gazprom ha già aperto conto in rubli”
Lo ha dichiarato il vicepresidente della Federazione Russa Novak Il vicepresidente della …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: