Gio, 26 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Povertà energetica, a rischio quattro milioni di famiglie

Sono in crescita i nuclei, specialmente nel Mezzogiorno, che non riescono a procurarsi un paniere minimo di beni e servizi energetici

In Italia il numero delle famiglie che non riescono a procurarsi un paniere minimo di beni e servizi energetici è in drammatico aumento. Lo conferma l’ultima elaborazione dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre sui dati del rapporto Oipe 2021, secondo cui i nuclei in difficoltà nel Paese sono almeno quattro milioni.

A esercitare una forte pressione in tal senso è l’effetto combinato del caro-bollette e dell’aumento dei prezzi di carburanti e materie prime, che rendono sempre più difficile un accesso universale a servizi come il riscaldamento, il raffrescamento, l’illuminazione, l’utilizzo di elettrodomestici.

I nuclei più a rischio sono quelli più numerosi, che abitano in case con impianti datati e in cattivo stato di conservazione o in cui il capofamiglia è giovane, a volte immigrato, spesso indigente.

Geograficamente parlando la situazione è più preoccupante al Sud; qui si registra un tasso di povertà energetica tra il 24 e il 36% delle famiglie totali. Parliamo di un range di 519mila-779mila nuclei in Campania, 481mila-722mila in Sicilia e 191mila-287mila in Calabria.

L’incidenza è medio-alta anche al centro-sud, dove la povertà energetica si attesta su una frequenza fra il 14 e il 24%. Le Regioni meno interessate dal problema sono la Lombardia, il Veneto, l’Emila Romagna, la Toscana e il Trentino Alto Adige dove la media di nuclei indigenti è fra il 6 e l 10%.

di: Marianna MANCINI

FOTO: PIXABAY

Potrebbe interessarti anche:

Investimenti green, la Sec impone regole precise
Due le proposte della Sec per regolamentare l'industria degli investimenti green. Si …
Webuild, nuova commessa in Inghilterra da 1,25 miliardi di sterline
La britannica National Highways ha selezionato la joint venture composta da Webuild …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: