Gio, 26 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Siti italiani attaccati da hacker filorussi: rientrato l’attacco al Senato

L’operazione è stata rivendicata dal collettivo filorusso Killnet. La Difesa smentisce di essere stata vittima del cyberattacco

Diversi siti italiani, tra cui quello del Senato e della Difesa, hanno subìto un attacco informatico da parte del collettivo filorusso Killnet.

Al momento non sarebbero state compromesse le infrastrutture degli account web, ma l’attacco sta rendendo complicato l’accesso a molti siti.

Rientrato l’attacco al sito del Senato. Lo hanno comunicato i senatori questori di Palazzo Madama. Secondo quanto ricostruito finora, nel pomeriggio ci sono stati molteplici e simultanei tentativi di accesso al sito, ma senza ripercussioni.

La presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati su Twitter rassicura: «nessun danno dall’attacco hacker che ha coinvolto la rete esterna del Senato. Un grazie ai tecnici per l’immediato intervento. Si tratta di episodi gravi, che non vanno sottovalutati. Continueremo a tenere alta la guardia».

Lo Stato Maggiore della Difesa, invece, smentisce di essere stato colpito da un cyberattacco e specifica che il proprio sito web risulta irraggiungibile per attività di manutenzione da tempo pianificata.

L’Agenzia per la cybersicurezza nazionale sta “lavorando a stretto contatto con le amministrazioni colpite per ripristinare i loro siti web, analizzando il fenomeno, e suggerendo nel contempo le prime idonee contromisure tecniche”. Indaga anche il Cnaipic (Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche) della Polizia Postale. Al momento in procura, a Roma, non è stato aperto alcun fascicolo.

Su Telegram il collettivo ha pubblicato l’elenco degli indirizzi che sarebbero stati violati: oltre a Senato e Difesa, compaiono Scuola alti studi di Lucca, Istituto superiore di SanitàBanca CompassInfomedix (una società di servizi alle aziende) e l‘Aci.

Poco prima, Il gruppo di hackivisti Anonymous aveva riferito di aver violato il servizio video russo RuTube. Secondo quanto riporta Ukraine Now, è altamente probabile che “il servizio non verrà più ripristinato”.

Stando a quanto riferito, “quasi il 75% dei database e dell’infrastruttura della versione principale, il 90% della copia di backup e il cluster di ripristino del database sono stati gravemente danneggiati. Ciò significa che RuTube probabilmente è perso per sempre”.

di: Francesca LASI

FOTO: PIXABAY

Ti potrebbe interessare anche:

Usa, rivisto al ribasso il Pil: -1,5% su base trimestrale
Nella prima lettura il Pil Usa era visto a -1,4% dopo il …
Lavoro Usa, diminuiscono le richieste di sussudi alla disoccupazione
Nella settimana terminata il 21 maggio il numero dei lavoratori americani che …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: