Gio, 26 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Ucraina, bombe a nordovest. Zelensky: “ogni Bucha allontana negoziati”

La Procura di Bari ha aperto un’indagine sui crimini di guerra commessi in Ucraina dai russi. Si continua a combattere nell’Isola dei Serpenti

Si combatte in Ucraina nella zona nord-nordest del Paese: le Regioni di Chernikiv e Sumy si sono svegliate sotto le bombe, ma gli attacchi sono assidui da giorni secondo quanto riferisce il portavoce del Servizio delle guardie di frontiera Demchenko.

Siamo pronti a portare avanti i negoziati» ha dichiarato Zelensky intervenendo ad un convegno dell’Istituto di studi politici di Parigi, aggiungendo però che “con ogni nuova Bucha, con ogni nuova Mariupol, con ogni nuova città in cui ci sono decine di vittime e atrocità di ogni tipo, il desiderio e la possibilità di negoziare scompare, come la possibilità di trovare una soluzione diplomatica“.

A tal proposito, è arrivata la notizia di un fascicolo d’inchiesta della Procura di Bari, aperto contro ignoti per i crimini di guerra commessi in Ucraina dai russi.

Intanto, la Procura di Kiev ha annunciato l’avvio di un processo contro il sergente russo 21enne Panzer Kantemirov, accusato di aver ucciso un civile disarmato che si stava recando in bicicletta nel villaggio di Chupakhivka, nella regione di Sumy, il 28 febbraio scorso.

Intanto, rispondendo all’annuncio del vice capo dell’amministrazione locale filo-russa Kirill Stremousov di Kherson che aveva dichiarato di voler chiedere di essere annesso alla Federazione russa, il consigliere di Zelensky Mikhailo Podolyak ha risposto che “possono anche chiedere che la città sia annessa a Marte o Giove, ma l’esercito ucraino la libererà, a dispetto di qualsiasi cosa dicano“.

Secondo lo Stato maggiore delle forze armate ucraine le armate russe stanno concentrando le loro operazioni nelle direzioni di Slobozhansky e Donetsk, nell’Ucraina orientale, per prevenire l’offensiva delle forze di Kiev verso il confine tra i due Paesi.

Proprio nella regione di Lugansk i militari russi avrebbero sparato contro un istituto per bambini con disabilità; a renderlo noto è il capo dell’amministrazione militare regionale Sergiy Gaidai, secondo cui ieri sono state bombardate per 15 volte aree residenziali e infrastrutture in tutta la regione, compreso il gasdotto principale di Sieiverodonetsk che ha lasciato la città senza gas e in blackout.

I combattimenti proseguono anche nella città di Rubizhne, nel Donbass, dove alcuni militari ucraini sarebbero rimasti bloccati nell’impianto chimico di Zarya che l’esercito aveva il compito di liberare.

Intanto i due eserciti continuano a fronteggiarsi sull’Isola dei Serpenti: la Russia potrebbe arrivare a dominare il mar Nero nord-occidentale se riuscisse a consolidare la sua posizione sull’Isola.

Intanto, facendo riferimento a quanto precedentemente affermato dall’esperto militare ucraino Oleh Zhdanov, secondo cui la probabilità di un attacco da parte della Bielorussia sarebbe alto, il consigliere del Ministero dell’Interno ucraino ha smentito l’eventualità. «È improbabile che in un prossimo futuro Lukashenko dia l’ordine al suo esercito di lanciare un’operazione terrestre contro l’Ucraina».

Nel bollettino aggiornato delle forze russe si legge che il numero di combattenti ucraini uccisi dall’inizio dell’invasione è salito a 280, con 59 unità di armamenti distrutte e 93 obiettivi colpiti, fra i quali anche due postazioni di comando e tre depositi di munizioni.

Ci sono aggiornamenti anche sulla situazione nell’acciaieria di Azovstal, dove le milizie filo-russe avrebbero “le mani libere” poiché non ci sono più civili nell’impianto.

Nel frattempo, il Mit Technology Review ha confermato la notizia riportata da funzionari Usa, Ue e Regno Unito secondo cui un’ora prima dell’invasione dell’Ucraina lo scorso 24 febbraio “gli hacker del governo russo hanno preso di mira la società satellitare americana Viasat“, provocando “un’immediata e significativa perdita di comunicazione nei primi giorni della guerra per l’esercito ucraino“. Patrick Howell O’Neill ha spiegato che il cyber attacco ha stato condotto con un malware distruttivo wiper, lanciato “contro modem e router Viasat, cancellando rapidamente tutti i dati sul sistema“.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA/ROMAN PILIPEY

Ti potrebbe interessare anche:

DDL Concorrenza, arriva il via libera dalla Commissione Senato. Lunedì in Aula
L'ok al ddl concorrenza in commissione Senato arriva dopo l’accordo sui balneari. …
Gb, contro il caro energia arriva la tassa sui profitti ai giganti di petrolio e gas
La tassa temporanea sui profitti extra dei giganti del petrolio e del …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: