Ven, 25 Giugno
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Sostenibilità, l’Italia è uno dei Paesi migliori per fare una carriera green

Il numero di professionisti in Europa è aumentato del 13% nell’ultimo anno

L’Italia è tra i paesi ideali per i lavori sostenibili. Secondo i nuovi dati di LinkedIn da noi si può fare carriera nell’ambito dei “green jobs” che ultimamente stanno riscuotendo un grande successo. In generale infatti l’Europa ha visto un aumento del 13% del numero di professionisti della sostenibilità durante l’ultimo anno, registrando un livello di incremento del 7,5% maggiore rispetto alla media globale. E questo non sorprende più di tanto perché ormai i cambiamenti climatici sono diventati un tema prioritario per le imprese in tutto il mondo.

Non solo l’offerta ma anche la domanda è cresciuta: LinkedIn ha registrato un aumento del 49% dei posti di lavoro disponibili sulla piattaforma per ruoli legati alla sostenibilità in Europa durante gli ultimi 12 mesi.

Stoccolma è la prima città con la più alta concentrazione di professionisti nell’ambito, seguita da Helsinki, Amsterdam, Zurigo, Vancouver, Londra, Milano, Auckland (Nuova Zelanda), Melbourne (Australia) e Washington. “Guardando al futuro, una delle poche conseguenze positive legate all’attuale crisi sanitaria è da riscontrarsi nel settore della sostenibilità – ha spiegato Mariano Mamertino, Senior Economist di LinkedIn. – La crisi ha contribuito a ridurre l’inquinamento, e ciò potrebbe dare una certa carica a iniziative relative alla sostenibilità ambientale, che erano necessarie da tempo. E da questo punto di vista, le amministrazioni locali di città come Milano, Manchester o Liverpool hanno già annunciato dei piani volti a ripensare le modalità con le quali queste città possono essere più rispettose dell’ambiente“.

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

Poste Italiane, siglato il rinnovo del CCL per il personale non dirigente fino al 2023
Inaugurato il maxi hub da 300 mila pacchi al giorno a Landriano …
Fintech, Visa compra la piattaforma di open banking Tink per 1,8 mld
Visa è stata costretta a fare marcia indietro dall'accordo da 5,3 miliardi …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: