Sab, 25 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Emergenza Coronavirus, ecco come si sono comportati finora i singoli Paesi europei

Da inizio pandemia la Germania ha stanziato oltre 280 miliardi. In Italia appena 90 mld

Per fronteggiare la crisi dovuta al Covid-19 la Germania, tra i vari Paesi europei, ha stanziato 284 miliardi di euro a sostegno di lavoratori, imprese, scuola, trasporti e sanità. Il Regno Unito è intervenuto con 201 miliardi, mentre la Francia con 110. L’Italia è a metà, con i 90 miliardi di euro che ha corrisposto il governo Conte dall’inizio della pandemia. I numeri sono quelli della Cgia di Mestre secondo cui fanalino di coda è la Spagna che ha messo sul tavolo “solo” 46 miliardi.

Per quanto riguarda gli aiuti alle piccole e medie imprese, la più generosa di tutte è la Germania che ha messo sul piatto 100 miliardi di euro destinati all’acquisto di partecipazioni di società colpite dalla crisi e 18 miliardi di euro destinati alle ditte individuali e alle microimprese.

Nel Regno Unito sono stati invece previsti 30 miliardi di sterline totali: la prima metà come sovvenzioni alle piccole imprese e un’altra metà per aiutare i lavoratori autonomi.

In Francia sono stati stanziati 8 miliardi di euro di sussidi per le piccole imprese con un fatturato inferiore ad un milione di euro che hanno perso almeno il 50% dei ricavi nello scorso mese di marzo; tre miliardi di euro per l’annullamento di tasse e contributi previdenziali per aziende e lavoratori autonomi in difficoltà; una stima di 9,3 miliardi di euro per sostenere l’industria del turismo e altri 8 miliardi di euro per sostenere il settore automobilistico.

In Italia, infine, le principali misure introdotte per le imprese hanno riguardato i contributi a fondo perduto a favore dei soggetti che hanno subito riduzioni del fatturato (7,3 miliardi di euro con i provvedimenti iniziali), la cancellazione dell’IRAP (saldo 2019 e prima rata acconto 2020 per un totale di quasi quattro miliardi di euro), i provvedimenti di rilancio del turismo/cultura (un miliardo di euro); agevolazioni fiscali per sanificazioni/canoni-locazioni immobili strumentali per 1,7 miliardi di euro e altri 1,7 miliardi di euro previsti per il tax credit vacanze.

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

Record al femminile, Frida Khalo in asta a 30 milioni
L'ultima opera in asta da Sotheby's a New York L'ultimo autoritratto realizzato …
Smartphone usati, il mercato vale 1,4 miliardi di euro
La compravendita di seconda mano nel settore dell'elettronica genera un business da …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: