Lun, 18 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Le autostrade del futuro: Aspi incontra il Politecnico

Intelligenza artificiale e soluzioni green, il digitale trasforma le strade

È stata siglata oggi la collaborazione tra Aspi e il Politecnico di Milano per costruire le autostrade del futuro. Si tratta di un piano di tre anni all’interno del quale sviluppare strategie nuove per gestire il traffico autostradale, quale il tracciamento digitali, il monitoraggio delle opere in tempo reale, la mobilità elettrica e sostenibile e la ricerca del green.

La collaborazione sarà volta soprattutto allo sviluppo dei progetti strategici e alla formazione del personale, perché investire sulle persone è il modo più sicuro di applicare la smart mobility e le smart roads.

«Grazie all’accordo con il Politecnico di Milano investiamo in formazione, sviluppo e ricerca per aumentare il patrimonio di conoscenza tecnica e ingegneristica a servizio del Paese – ha detto l’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Roberto Tomasi – e diventare un vero e proprio operatore della mobilità integrata». L’accordo prevede infatti anche progetti di alta formazione accademica per i lavoratori del gruppo Aspi e per gli studenti, e la società selezionerà anche tra i laureandi i candidati per il piano di assunzioni del prossimo triennio.

«Parlare oggi di opere pubbliche in Italia è di fondamentale importanza – ha detto il rettore del Politecnico Ferruccio Resta – dobbiamo salvaguardarne la sicurezza e garantire la durata nel tempo ma non solo. È nostro dovere progettare costruzioni e soluzioni tecnologiche che anticipino le esigenze e i bisogni di domani».

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

La Camera vota la fiducia al Governo Conte: 321 sì
Il presidente del consiglio Conte ha più della maggioranza assoluta alla Camera. …
Cashback, tutte le novità nella app Io
Tra i miglioramenti i pagamenti senza Pin e commissioni Dal primo gennaio …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: