Ven, 30 Luglio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Assegno unico universale: in vigore dal primo luglio

Ma solo come misura ponte. Il via ufficiale a gennaio 2022

Il primo luglio entrerà in vigore l’assegno unico universale che riunisce le agevolazioni per le famiglie per ogni figlio nato, adottato o in affidamento. Tuttavia in un primo momento si tratterà di una misura ponte: l’assegno verrà erogato solo a chi attualmente non percepisce gli assegni al nucleo familiare. Per questo motivo, gli stessi continueranno a essere corrisposti alle famiglie di lavoratori dipendenti e assimilati, ma saranno incrementati per il periodo da luglio a dicembre 2021.

Secondo le stime della Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro, dal primo luglio l’assegno ponte verrà erogato al nucleo familiare del richiedente che deve essere in possesso di un Isee inferiore a 50mila euro annui. Riguarda, dunque, i lavoratori autonomi e disoccupati che hanno finito la NASpI, gli incapienti e gli inattivi, oltre, come già detto, gli esclusi dalle altre misure per ragioni di reddito, e i beneficiari del reddito di cittadinanza. In tutto sono oltre due milioni di persone.

Dal 2022 cambia tutto: riceveranno l’assegno tutti coloro che hanno un figlio fino a 21 anni a carico, sia le famiglie con lavoratori dipendenti, sia quelle con lavoratori autonomi, disoccupati e incapienti. L’importo dipenderà dal numero di figli e dall’Isee, ma si andrà comunque da un minimo di 30 euro a un massimo di 217,8 euro al mese per ciascun figlio.

Per ottenere l’assegno unico bisogna fare domanda all’Inps online o ai patronati entro il 30 giugno. Il sussidio spetta a decorrere dal mese di presentazione della domanda stessa. Per le richieste pervenute entro il 30 settembre 2021 sono corrisposte mensilità arretrate a partire dal mese di luglio 2021.

Per coloro che percepiscono gli assegni familiari in questo periodo è prevista una maggiorazione degli importi mensili fino al 31 dicembre 2021 pari a 37,5 euro per ciascun figlio per quanto riguarda i nuclei familiari fino a due figli, e 55 euro per ciascun figlio in favore dei nuclei di almeno tre figli.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Deloitte, il calcio europeo ha perso quattro miliardi di ricavi
La più colpita è la Serie A Il 2020 è stato un …
Ferrari, venduta all’asta la più costosa di sempre
È un rarissimo esemplare di F40 blu dell'89 L'influencer britannico Sam Moores, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: