Mar, 26 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Pensione anticipata: come richiedere la RITA

La misura permette di andare in pensione cinque o 10 anni prima l’età anagrafica prevista sfruttando il capitale di fondi pensione e forme pensionistiche complementari

Mentre si attende l’esaurimento di Quota 100 e una nuova misura varata dal Governo, i lavoratori che vogliono andare in pensione cinque o 10 anni prima della data prevista possono fare ricorso alla RITA. Ecco cos’è.

La RITA, Rendita integrativa temporanea anticipata è una misura introdotta in via sperimentale dalla legge di Bilancio 2017 e poi resa strutturale dalla legge di Bilancio 2018. Consente, in taluni casi, il pensionamento anticipato e l’ottenimento dell’anticipo di una rendita sulla futura pensione integrativa.

In attesa quindi di raggiungere l’età anagrafica per il vero e proprio pensionamento, una parte o il totale del capitale accumulato presso un fondo pensione (fondi negoziali, fondi aperti) oppure attraverso forme pensionistiche complementari (come PIP), viene erogato in maniera frazionata con cadenza mensile, bimestrale o al massimo trimestrale.

Per ottenere la pensione anticipata a 62 anni di età con 20 anni di contributi, è necessario compilare il modulo della domanda reperibile presso ciascun fondo. L’importo che si riceverà in anticipo è proporzionale a quanto versato nel fondo integrativo.

Sono destinatari della RITA a 62 anni tutti coloro che hanno cessato l’attività lavorativa, hanno versato almeno 20 anni di contributi, sono iscritti da almeno cinque anni alle forme pensionistiche complementari e devono trascorrere ancora solo cinque anni prima di raggiungere l’età anagrafica necessaria per ottenere la pensione di vecchiaia, 67 per il 2021. Periodo di tempo in cui i contributi crescono per raggiungere il pensionamento ordinario.

Possono, invece, usufruire della RITA e andare in pensione a 57 anni i lavoratori al momento disoccupati o inoccupati purché iscritti ad una delle forme pensionistiche complementari in regime di contribuzione definita e si trovino a 10 anni dal pensionamento. 

In questo caso, i canoni da rispettare sono: aver cessato l’attività lavorativa, trovarsi in stato di disoccupazione da più di 24 mesi, raggiungere l’età anagrafica per la pensione entro i 10 anni successivi al compimento del termine di inoccupazione e partecipare da almeno cinque anni alle forme pensionistiche complementari.

Per avanzare domanda di RITA non è necessario presentare alcuna attestazione Inps, basterà un’autocertificazione con l’impegno scritto di produrre, in caso di richiesta, adeguata documentazione

Per verificare se si è effettivamente in possesso del requisito dei 20 anni di anzianità contributiva, è possibile consultare l’estratto conto integrato rilasciato dall’Inps o dall’ente previdenziale di appartenenza.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus terme, si parte: dopo la prenotazione 60 giorni per usufruirne
L'elenco delle strutture valide sul sito di Invitalia e del ministero Il …
Bonus 600 euro, in arrivo l’indennità per i datori di lavoro
Spetta una tantum a chi ha l'onere della malattia dei lavoratori in …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: