Mar, 26 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

L’epopea dei lavoratori al tempo del Covid

Il 44% ha cambiato ruolo o assunto maggiori responsabilità

Il biennio 2020-2021 per i lavoratori è stato una vera sfida: la pandemia ha cambiato radicalmente il modo di lavorare e spesso anche gli equilibri in azienda. Secondo la ricerca People at Work 2021: a Global Workforce View, che analizza gli atteggiamenti dei dipendenti nei confronti dell’attuale mondo del lavoro e le loro aspettative e speranze future, il 44% dei lavoratori italiani ha subito un cambiamento di ruolo o la modifica delle mansioni ricoperte a causa delle nuove necessità dei datori di lavoro di poter disporre di nuove competenze.

Coloro a cui è stata richiesta la maggior flessibilità sono stati i lavoratori della generazione Z: il 62% tra i 18 e i 24 anni ha cambiato ruolo o ha ricevuto maggiori responsabilità, percentuale che scende al 51% nella fascia 25-34, al 46% in quella 35-44, al 38% tra i 45 e i 54 anni e al 25% sopra i 55 anni.

Ci sono anche dei lati positivi, per alcuni: il 46% degli intervistati apprezza il nuovo ruolo e le relative responsabilità, il 56% ha avuto un aumento di stipendio o un bonus.

Restano però preoccupanti le disparità di genere: le donne risultano avere meno probabilità degli uomini di ricevere un compenso aggiuntivo in tutte le aree geografiche analizzate, il maggior divario in Nord America. In Italia, il 29% degli uomini ha ricevuto un aumento di stipendio contro il 24% delle donne, e il 32% degli uomini ha ottenuto un bonus contro il 26% delle donne.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Expo 2020 Dubai, al Padiglione Italia oltre 200 mila visitatori
È uno tra i più visitati dell'Esposizione Il Padiglione Italia è uno …
Pensioni, Draghi convoca i sindacati. Posizioni ancora lontane
La manovra è al rush finale ma non si trova un punto …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: