Mar, 26 Ottobre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Ocse, minimum tax: sì all’accordo per 136 Stati su 140

Dal 2023 imposta minima del 15% alle multinazionali

Dopo il sì dell’Irlanda e dell’Estonia (leggi qui), il segretario generale dell’Ocse Mathias Cormann ha annunciato ufficialmente l’accordo sulla minimum tax.

Si tratta di un piano che prevede un’imposta minima del 15% per le multinazionali e Cormann lo definisce “una grande vittoria per un multilateralismo efficace“.

Hanno aderito 136 Stati membri su 140, gli unici esclusi sono: Kenya, Nigeria, Pakistan e Sri Lanka.

Gli altri, tra cui l’Italia, rappresentano oltre il 90% del Pil mondiale. «L’intesa consentirà di riattribuire a Paesi del mondo intero i benefici per oltre 125 miliardi di dollari realizzati da 100 aziende multinazionali tra le più grandi e più redditizie al mondo», hanno sottolineato dall’Ocse.

«Questo renderà il nostro regime fiscale internazionale più equo ed efficace – ha concluso Cormann – l’obiettivo è fare in modo che queste società possano onorare la propria giusta parte fiscale qualunque siano le giurisdizioni in cui esercitano le loro attività e realizzano benefici».

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Pagamento in contanti, cosa cambia nel 2022
Dal 1 gennaio scatta il nuovo limite a mille euro per i …
Expo 2020 Dubai, al Padiglione Italia oltre 200 mila visitatori
È uno tra i più visitati dell'Esposizione Il Padiglione Italia è uno …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: