Lun, 29 Novembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Manovra 2022, verso il taglio dell’Irpef

A risparmiare di più potrebbero essere i ricchi

Con la Manovra 2022 potrebbe arrivare il taglio dell’Irpef del 38% sul ceto medio, ovvero su coloro che guadagnano tra i 28 mila e i 55 mila euro l’anno (leggi qui).

L’Irpef è una tassa che colpisce più di ogni altro dipendenti e pensionati, andando a incidere direttamente sulla busta paga alla fine del mese. L’obiettivo del Governo pertanto è di ridurre il peso fiscale su questa fascia di popolazione.

Come funziona il calcolo dell’Irpef? L’aliquota si applica diversamente a seconda del reddito percepito perché quando si passa da uno scaglione all’altro il “salto” si applica solo sul reddito aggiuntivo. Per esempio su 30 mila euro l’anno, la tassazione è del 23% fino a 15 mila euro, del 27% fino a 28 mila euro e del 38% solo sugli ultimi duemila euro dichiarati.

Tenendo conto delle modalità di calcolo salta fuori che beneficerebbero del taglio della terza aliquota non solo i contribuenti appartenenti al ceto medio ma anche coloro che sono più ricchi. Come dimostra una simulazione di Skytg24: un dipendente che dichiara 28 mila euro non sarebbe interessato dallo sconto; un collega che dichiara invece 41 mila euro godrebbe di uno sconto di circa 500 euro l’anno. Ma un dipendente con un reddito da 75 mila euro potrebbe sfruttare l’intero sconto e pagare mille euro di tasse in meno.

A godere dello sconto fiscale da taglio dell’Irpef, nella situazione attuale, sarebbe il 21,2% degli italiani, uno su cinque, perché tutti gli altri nel 2019 hanno comunque dichiarato meno di 28 mila euro.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Chiude bene Piazza Affari
Eni guida l’ascesa dei titoli oil in scia al rimbalzo del petrolio, …
Omicron, G7 Salute: “la variante è altamente trasmissibile e richiede azione urgente”
Ad oggi 33 casi in 8 Paesi Ue, asintomatici o non gravi. …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: