Ven, 03 Dicembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Goldman Sachs, le previsioni per l’economia globale 2022

Gli economisti hanno stilato una top ten dei temi che domineranno il settore degli investimenti

Secondo gli economisti di Goldman Sachs l’economia globale nel 2022 dovrebbe rallentare il passo, dopo lo sprint ottenuto nel post-Covid.

Nel loro studio, gli analisti hanno redatto una lista di 10 temi economici-finanziari che potrebbero essere le grandi dominanti del panorama finanziario.

Il primo è la ripresa economica: la crescita del Pil globale è stimata al 4,5%, un punto in più rispetto al potenziale. Si prevede un rallentamento generale, più marcato negli Stati Uniti. Pertanto i titoli prociclici possono fare bene nell’immediato futuro ma i rendimenti degli asset rischiosi potrebbero appiattirsi.

Il secondo è la supply chain: i problemi nella catena di approvvigionamento sono diversi, ma dovrebbero alleviarsi.

Il terzo è il margine di rischio: grande attenzione a come evolverà il pricing dei mercati, visto che le banche centrali non sembrano al momento voler adottare un orientamento monetario aggressivo e nonostante il rallentamento la crescita rimarrà costante.

Sotto il podio, grande attenzione per le materie prime: la carenza persisterà in molti mercati, i più a rischio sono i settori di rame, alluminio e nickel. A livello macroeconomico ci sarà una minore spinta dei prezzi dell’energia mentre i costi del petrolio dovrebbero tornare agli attuali livelli alla fine del 2022.

Gli economisti consigliano attenzione anche nei riguardi di politica monetaria, con l’incremento dei tassi d’interesse delle banche centrali; Banca centrale europea, che potrebbe abbandonare i tassi d’interesse negativi nei prossimi anni; Cina ed economie emergenti.

Infine, Goldman Sachs ritiene che altri due temi fondamentali nel 2022 potrebbero essere le traiettorie divergenti e non lineari e i rischi. Per quanto riguarda il primo, il 2022 potrebbe essere l’anno delle rotazioni: a livello settoriale, i comparti come quello dei servizi, turismo su tutti, dovrebbero finalmente risorgere. A livello regionale, tutta la zona apac (in particolare Indonesia, Malaysia e Thailandia) dovrebbe avere un certo margine di crescita al rialzo, avendo adottato drastiche misure di restrizione alla mobilità.

Per quanto riguarda i rischi, rimangono lo spettro del Covid e il dubbio sulla durata effettiva dell’efficacia dei vaccini.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Francia, recupera la produzione industriale e torna positiva: ad ottobre +0,9%
Il dato si confronta con il -1,5% del mese precedente La produzione industriale …
Recordati, acquisita la collega inglese Eusa Pharma per 750 milioni
E' focalizzata su malattie oncologiche rare e di nicchia e contribuirà nel …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: