Sab, 22 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Cala la produzione di sciroppo d’acero: il Canada attinge alla riserva

Saranno immessi nel mercato 16 milioni di litri dalle scorte del Ppaq

Della carenza di materie prime abbiamo già parlato (leggi qui); negli ultimi giorni ha fatto parlare di sé anche il curioso caso dello sciroppo d’acero in Canada. Più che un semplice condimento, questo nettare ottenuto dalla linfa d’acero è un vero e proprio pilastro dell’alimentazione in tutto il Nord America e ha causato non pochi allarmi, tanto che i produttori della riserva nazionale canadese di acero, situata a Laurierville in Québec, hanno annunciato l’immissione nel mercato della metà della loro scorta, circa 16 milioni di litri.

Una quantità ingente che corrisponde a un terzo della produzione totale di quest’anno e che servirà per sopperire alla domanda interna ma anche a quella esterna. Il Canada è infatti il primo produttore al mondo di acero (il 70% del totale mondiale proviene dalla provincia del Québec) ma il 60% di questo nettare zuccherino viene esportato negli Usa.

Il problema di approvvigionamento risale già al 2020: nell’ultimo biennio la produzione di sciroppo d’acero è calata del 24%, risentendo particolarmente delle condizioni climatiche. La linfa utilizzata per lo sciroppo, infatti, ha bisogno di un’escursione termica tale che congeli di notte e si sciolga di giorno. La primavera mite degli ultimi due anni ha però limitato le quantità prodotte.

È proprio per questa variabile climatica che il Canada aveva deciso di istituire una riserva nazionale che gestisse e distribuisse lo sciroppo (la Ppaq – Producteurs et productrices acéricoles du Québec), regolandone anche prezzi e produzione. Le scorte, ad ogni modo, erano intonse da almeno tre anni e saranno debitamente rimpolpate nel 2022, quando l’istituzione ha autorizzato l’impiego di un numero maggiore di aceri per la produzione di sciroppo.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA

Potrebbe interessarti anche:

Parità di genere nei ruoli di potere: in Italia solo il 3% di donne Ceo
Secondo il report di Ewob l'obiettivo del 40% delle donne nei Cda …
Energia, Commissaria Ue Simson: “completare transizione energetica”
Per la rappresentante europea l'obiettivo è aumentare la capacità di stoccaggio del …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: