Mer, 19 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Saldi invernali, ecco i principi da seguire

Federmoda Italia e Confcommercio hanno stilato 10 principi di base per il corretto acquisto degli articoli in saldo

Oggi partono i saldi invernali (guarda qui) e per l’occasione Federmoda Italia e Confcommercio hanno stilato 10 principi di base per il corretto acquisto degli articoli in saldo. Il primo riguarda i cambi: la possibilità di cambiare il capo dopo l’acquisto è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme. In questo caso c’è l’obbligo per il negoziante di sostituirlo e, nel caso ciò sia impossibile, deve ridurre o restituire i soldi. Il compratore deve denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

Il secondo principio riguarda la prova dei capi: non c’è obbligo, è rimesso alla discrezionalità del negoziante. Il terzo è sui pagamenti: le carte di credito devono essere accettate e vanno favoriti i pagamenti cashless. Il quarto è sui prodotti in vendita: i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Ci deve essere poi l’indicazione del prezzo: il negoziante ha l’obbligo di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

Il sesto principio riguarda il rispetto delle distanze: occorre mantenere la distanza di un metro tra i clienti in attesa di entrata e all’interno del negozio. Il settimo è sulla disinfezione delle mani: obbligo di igienizzazione con soluzioni alcoliche prima di toccare i prodotti. L’ottavo riguarda l’obbligo di indossare la mascherina fuori dal negozio, in store e in camerino durante la prova dei capi. Il nono è sulle modifiche e/o adattamenti sartoriali: sono a carico del cliente, salvo diversa pattuizione.

L’ultimo principio di base riguarda il numero massimo di clienti in store: c’è l’obbligo di esposizione in vetrina di un cartello che riporti il numero massimo di clienti ammessi nei negozi contemporaneamente.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus casalinghe 2022, tutto quello che c’è da sapere
Entro il 31 marzo dovranno essere presentati i progetti per il bando …
Quanto vale la Supercoppa italiana?
Quest'anno se la giocano Inter e Juve, che hanno vinto rispettivamente  la …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: