Gio, 27 Gennaio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Gli effetti della pandemia sui colloqui di lavoro: il parere degli esperti

Il metodo di ricerca e selezione del personale cambia dopo l’emergenza

La pandemia ha cambiato tutto, inclusi i colloqui di lavoro. A sottolinearlo è la Adami & Associati, una società di head hunter (“cacciatori di teste”).

Questa, infatti, ha sfruttato le restrizioni dovute all’emergenza per rivedere la propria metodologia di ricerca e selezione del personale, sulla scia del cambiamento delle aziende nel modo di affrontare e percepire la crisi.

«Come conseguenza di tutto questo sono cambiati in modo sensibile anche i colloqui di lavoro, e dovrebbero esserne consapevoli sia le persone alla ricerca di un nuova occupazione, sia gli addetti HR e i manager che si troveranno a gestire o a partecipare a questi delicati incontri» – afferma, infatti, Carola Adami, fondatrice di Adami & Associati.

Ecco perché, durante un colloquio di lavoro, chi è in cerca di occupazione potrebbe sentirsi porre domande come: “come ha vissuto i mesi di lockdown?” o “cosa ha fatto durante la pandemia per migliorare la sua situazione professionale o personale?”. L’obiettivo è non farsi trovare impreparati.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

LEGGI ANCHE: Curriculum, ecco come renderlo efficace

Ti potrebbero interessare anche:

La strana storia di SpiceDao, il gruppo di utenti che ha vinto all’asta lo storyboard di Dune
L'organizzazione si è accaparrata l'opera scritta dal regista Jodorowsky per realizzarne una …
Lavoro, il retail continua a soffrire
Secondo un'analisi condotta dall'agenzia Jobtech il settore della vendita al dettaglio è …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: