Gio, 26 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Fincantieri, utile a 22 milioni nel 2021

Ricavi in crescita del 28,3%

Fincantieri ha chiuso il 2021 con ricavi e proventi in crescita del 28,3%, a 6.662 milioni euro. L’EBITDA è stato in aumento del 57,4% a 495 milioni di euro, mentre l’EBITDA margin si è assestato al 7,4% (vs. 6,1% 2020) nonostante l’incremento dei prezzi delle materie prime. Il risultato netto adjusted è stato positivo per 92 milioni di euro (negativo per 42 milioni di euro nel 2020) e l’utile netto positivo pari a 22 milioni di euro (negativo per 245 milioni nel 2020) dopo aver scontato oneri per amianto (55 milioni) e per Covid-19 (30 milioni).

L’Indebitamento finanziario netto è pari a 859 milioni di euro (1.062 milioni al 31 dicembre 2020), in diminuzione nonostante l’incremento dei volumi di produzione e gli investimenti del periodo. Un dato che riflette la performance positiva del settore cruise con consegne pienamente in linea con il programma di produzione e le previsioni di spesa.

L’AD Giuseppe Bono ha commentato: «i risultati presentati oggi dimostrano la capacità e la resilienza di Fincantieri nel rispondere ad una crisi, quella legata alla pandemia, che ha colpito l’azienda e i suoi clienti In tale contesto, la società ha saputo mantenere gli ordini e tutti i suoi impegni, consegnando le navi nei tempi concordati. La spinta inflazionistica, la scarsità delle materie prime e il conflitto in corso rendono ancora più complesso e incerto lo scenario attuale. Il momento particolarmente difficile che stiamo attraversando richiede quindi la massima coesione e determinazione di tutto il personale nell’affrontare le difficoltà emergenti».

I volumi di produzione hanno raggiunto livelli record per lo sviluppo del carico di lavoro e il rispetto del piano di consegne, con 16,4 milioni di ore lavorate da 13,1 milioni del 2020 e 15,6 milioni del 2019. Sono state consegnate 19 navi da 12 stabilimenti, mentre gli investimenti sono stati pari a 358 milioni per supportare l’efficientamento produttivo dei cantieri italiani e esteri e sviluppare lo standard tecnologico. Non verrà proposta all’assemblea la distribuzione di dividendi per l’esercizio 2021.

Al netto degli effetti dovuti all’incertezza macroeconomica e politica derivante dal conflitto in Ucraina e dal protrarsi dell’emergenza sanitaria, Fincantieri prevede ricavi in crescita nel 2022, superando le stime attese prima della pandemia e un consolidamento della marginalità, nonostante l’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia che il gruppo sta riscontrando. Tali risultati potrebbero consentire il ritorno a una sostenibile politica di distribuzione dei dividendi a partire dal 2022. La Posizione finanziaria netta per il 2022 è prevista in linea con i valori di fine anno 2020

di: Francesca LASI

FOTO: SHUTTERSTOCK

Ti potrebbe interessare anche:

Webuild, nuova commessa in Inghilterra da 1,25 miliardi di sterline
La britannica National Highways ha selezionato la joint venture composta da Webuild …
DDL Concorrenza, arriva il via libera dalla Commissione Senato. Lunedì in Aula
L'ok al ddl concorrenza in commissione Senato arriva dopo l’accordo sui balneari. …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: