Gio, 02 Luglio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Inps, partono le domande per anticipo della cig in deroga

Le richieste vanno fatte direttamente all’istituto invece che alle Regioni

Al via da oggi le domande per ottenere la cassa integrazione in deroga che verranno pagate direttamente dall’Inps con anticipo del 40% delle spettanze. A comunicarlo è stato lo stesso istituto che ricorda che le richieste vanno presentate all’Inps e non più alle Regioni. “Oggi – si legge nel messaggio dell’Inps – saranno rilasciate le funzionalità relative alla nuova domanda Inps di richiesta della cassa integrazione in deroga, quelle relative alla domanda di anticipazione da parte dell’Inps dei trattamenti di integrazione salariale richiesti dall’azienda con pagamento diretto, nonché la nuova versione della procedura “Nuova gestione dell’istruttoria per domande Cigo“.

L’istituto di previdenza ricorda che il decreto Rilancio ha esteso il periodo di cig e assegno ordinario per l’emergenza Covid dalle 9 settimane previste dal decreto Cura Italia a 18 settimane complessive. Il Cdm con un decreto del 16 giugno scorso ha previsto la possibilità di chiedere le ultime quattro settimane di fermo per le aziende che avevano già utilizzato le prime 14 (9 + 5) anche per periodi antecedenti al primo settembre (leggi qui). “La durata massima dei trattamenti cumulativamente riconosciuti – ricorda l’Inps – non può, in ogni caso, superare le diciotto settimane complessive. Coloro che non abbiano fruito per intero delle pregresse nove settimane possono chiedere di completarne la fruizione o, nel caso in cui l’autorizzazione originaria abbia riguardato un numero di settimane inferiore a nove, la concessione di quelle residue. Con la stessa domanda potrà essere contestualmente richiesta la concessione delle ulteriori settimane, fino a un massimo di quattordici complessive (9 + 5)“.

Le istanze relative alle richieste dei trattamenti di cassa integrazione ordinaria e assegno ordinario per un massimo di 14 settimane complessive nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 31 agosto 2020 possono già essere inviate dai datori di lavoro e vanno inviate, a pena di decadenza, entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa. Per consentire un graduale adeguamento al nuovo regime, il decreto 52/2020 stabilisce che, in sede di prima applicazione della norma, i termini sono spostati al 17 luglio 2020 (trentesimo giorno successivo a quello di entrata in vigore del decreto-legge) se questa data è posteriore a quella prevista per la scadenza dell’invio delle domande.

Le istanze riferite ai periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa che hanno avuto inizio nel periodo ricompreso tra il 23 febbraio 2020 e il 30 aprile 2020 devono essere inviate, a pena di decadenza, entro il 15 luglio 2020. Per la domanda di cassa integrazione in deroga all’Inps per le ulteriori cinque settimane il datore di lavoro dovrà aver avuto l’autorizzazione per le prime nove settimane dalle Regioni. L’applicativo per la presentazione della domanda di cig in deroga all’Inps sarà rilasciato oggi. Le domande dovranno riguardare periodi sospensione dell’attività a partire dal 26 aprile.

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

Turismo, senza gli americani perdiamo una fetta di mercato da cinque miliardi
Per fortuna ci sono gli italiani. In 12 ore dall'avvio il bonus …
Bankitalia, nel 2020 il fatturato delle imprese crolla del 7%
L'ampio ricorso alla cig limita i danni sull'occupazione Le previsioni di Bankitalia …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: