Lun, 29 Novembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Gentiloni dà una speranza: “l’impatto della seconda ondata potrebbe essere meno terribile della prima”

Secondo il commissario i Paesi europei sono meglio preparati sia sul fronte sanitario che su quello economico

«L’impatto della seconda ondata Covid in Europa è profondo ma potrebbe essere meno terribile in termini economici della prima». A dare un barlume di speranza è il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, intervenendo ad un convegno online del Financial Times. «Certamente la ripresa è stata interrotta tra settembre e ottobre e certamente avremo una crescita vicino a zero nel quarto trimestre in media dopo un terzo trimestre molto buono nella maggior parte dei Paesi – ha spiegato. – Ma devo dire che l’impatto della seconda ondata potrebbe essere meno terribile in termini economici della prima. Per un paio di ragioni, la prima è che siamo preparati meglio su dispositivi medici e anche attività ospedaliere. La seconda è perché siamo preparati meglio a tenere aperta parte dell’economia, specialmente nel manifatturiero, che è stato meno colpito dei servizi».

Gentiloni ha anche commentato i tentativi di mettere d’accordo i Paesi europei su regole di bilancio e investimenti. «La revisione delle regole europee sui conti pubblici e del Patto di stabilità e di crescita è infatti sempre stato uno dei temi su cui è più impegnativo raccogliere consenso – ha concluso. – Tuttavia tutti concordano sul fatto che non si possono avere gli investimenti ai livelli pre-crisi. E’ necessario ora trovare dei sistemi per aumentare gli investimenti pubblici, altrimenti non si può essere seri sulla transizione verde e gli obiettivi di riduzione delle emissioni carbonio».

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ASKANEWS

LEGGI ANCHE: Ripresa, la Bce vede nero e si prepara a nuovi aiuti a dicembre

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus casa, scatta l’obbligo del visto di conformità
L'Agenzia delle entrate ha risposto ai dubbi sollevati dai cittadini sul nuovo …
Fisco, in scadenza Ires, Irap e Irpef
27 miliardi da versare entro il 30 novembre Entro il 30 novembre …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: