Ven, 26 Febbraio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Tavola, cambiano le regole: etichetta di origine per gli affettati

Da febbraio obbligatoria l’indicazione di luogo di nascita, allevamento e macellazione

Il 2021 è un anno di grandi cambiamenti per la tavola e i prodotti tipici del made in Italy. Lo scorso primo febbraio è entrato in vigore il nuovo obbligo per le carni suine lavorate, che devono presentare una nuova etichetta di origine con informazioni più chiare per il consumatore, in cui sia indicato il Paese di nascita degli animali, il Paese di allevamento e quello di macellazione, e questo vale sia per i prosciutti, sia per i salami, sia per tutti gli altri tipi di insaccato.

Se le tre fasi sono avvenute nello stesso Paese basterà indicare l’origine del prodotto, e per inserire la dicitura 100% italiano adesso è necessario che gli animali siano nati, cresciuti e macellati in Italia. Rimane possibile l’inserimento dei più generici Origine Ue e Origine extra Ue.

Il decreto che ha introdotto le nuove regole è sperimentale e rimarrà in vigore fino al 31 dicembre 2021, dopodiché dipenderà dal giro di vite dell’etichetta, che ha messo l’Italia in una posizione solitaria contro l’Unione Europea, con Coldiretti che si è scagliata contro la bozza del Piano d’azione per migliorare la salute dei cittadini europei che prevede l’inserimento di etichette allarmistiche come quelle che si trovano sulle sigarette per alcuni prodotti tipici del made in Italy come vino e carne, appunto (ne abbiamo parlato qui).

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Atlantia, gli occhi sono tutti puntati sull’offerta di Cdp su Aspi
Le congetture ed i nodi da sciogliere Oggi gli occhi sono tutti …
Vaccini, Johnson&Johnson attende l’ok dall’Ue l’11 marzo
Quattro Regioni italiane vanno verso l'arancione. L'Umbria e l'Abruzzo rischiano il rosso. …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: