Mar, 22 Giugno
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Amazon, nessun contributo al fisco grazie agli accordi di Lussemburgo

Nonostante i 44 miliardi di ricavi in Europa, il colosso ha dichiarato perdite nel Granducato per 1,2 miliardi di euro

Niente tasse nel 2020 per Amazon nonostante i 44 miliardi di ricavi registrati in Europa, ben 12 in più rispetto all’anno precedente. Il contributo nullo al fisco si deve agli accordi stipulati con il Lussemburgo, Paese in cui la società di Jeff Bezos ha la sua sede europea dal 2003.  «Amazon paga tutte le tasse richieste in ogni paese in cui opera – ha specificato la società in una nota. – L’imposta sulle società si basa sui profitti, non sui ricavi, e i nostri profitti sono rimasti bassi a seguito dei nostri ingenti investimenti e del fatto che la vendita al dettaglio è un’attività altamente competitiva e con margini ridotti».

Secondo quanto riporta The Guardian infatti l’unità lussemburghese avrebbe subito perdite per 1,2 miliardi di euro e queste perdite non solo hanno evitato al colosso dell’e-commerce di versare tasse ma gli hanno dato diritto, in base al regime fiscale locale, di ottenere 56 milioni di euro di crediti d’imposta da utilizzare per compensare tasse su eventuali futuri profitti.

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: EPA/TANNEN MAURY

LEGGI ANCHE: Amazon, inizio 2021 da record: ricavi per 108,5 miliardi di dollari nel primo trimestre

LEGGI ANCHE: Amazon, Jeff Bezos taglia un altro traguardo: supera i 200 miliardi di dollari

Ti potrebbe interessare anche:

Criptovalute, violento sell-off a causa della Cina
Il Bitcoin si schianta sotto i 30.000$ per la prima volta da …
Investimenti, l’Italia è sempre più attrattiva nonostante il Covid
A fronte di un calo complessivo del 13% a livello europeo, il …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: