Dom, 19 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Auto, il mercato è in caduta libera: -27,3% ad agosto su base annua

Va giù anche Stellantis le cui immatricolazioni ad agosto segnano -36,3%

Ad agosto il mercato dell’auto registra un trend negativo. Nel mese sono state immatricolate 64.689 autovetture, in calo del 27,3%, rispetto alle 88.973 dello stesso periodo del 2020. A dirlo sono i dati diffusi dal ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili sulla base delle risultanze dell’Archivio Nazionale dei Veicoli al 31.08.2021.

I trasferimenti di proprietà sono stati invece 203.844 a fronte di 155.727 passaggi registrati a luglio 2020, con un aumento di più del 30%. Il volume globale delle vendite mensili, pari a 268.533, ha interessato per il 24,09% vetture nuove e per il 75,91% vetture usate.

Nei primi 8 mesi del 2021 invece le immatricolazioni sono state pari a 1.060.182, in aumento del 30,9% rispetto alle 809.978 dello stesso periodo dello scorso anno.

Vanno male anche i dati del gruppo Stellantis le cui immatricolazioni in Italia ad agosto sono state pari a 21.636 unità, in calo del 36,3% rispetto alle 33.961 di agosto 2020. Nel periodo gennaio-agosto le immatricolazioni del gruppo hanno toccato quota 412.580 rispetto alle 314.329 del 2020, segnando +31,3%. La quota di mercato di Stellantis in Italia ad agosto è pari al 33,4% (-4,7%), mentre nel cumulato da inizio 2021 si attesta al 38,9% (+0,1%).

Nel dettaglio sono sei i modelli del gruppo Stellantis nella top ten di luglio, con Fiat Panda sempre in testa alla classifica (3.009 unità), seguita al secondo posto da Fiat 500 (2.444) e al terzo da Lancia Ypsilon (2.056). Recupera posizioni Jeep Renegade (1.723) che sale al quinto posto.

di: Maria Lucia PANUCCI

Ti potrebbe interessare anche:

L’arte all’asta: il Met batte foto e duplicati delle opere in collezione per far fronte alla crisi
Il museo newyorkese venderà in totale 219 duplicati per una cifra stimata …
Rincari bollette, Giorgetti: “il Governo saprà tamponare”
Secondo il ministro dello Sviluppo economico, è l'Europa che deve attuare politiche …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: