Lun, 20 Settembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Bonus pubblicità, richieste fino al 30 settembre

Torna il credito d’imposta del 50% per gli investimenti effettuati su mezzi pubblicitari

Dal primo e fino al 30 settembre 2021 sarà possibile richiedere il bonus pubblicità, un’agevolazione che consente di ottenere un credito d’imposta del 50% della somma investita per gli investimenti pubblicitari effettuati su giornali, quotidiani e periodici ma anche online, purché registrati e provvisti di un direttore responsabile, emittenti televisive, radiofoniche, sia locali sia nazionali sia analogiche sia digitale, non partecipate dallo Stato.

Possono presentare domanda imprese e lavoratori autonomi, senza limiti per natura giuridica, dimensione dell’azienda o contabile adottato. Possono farne richiesta anche gli enti non commerciali, e, grazie a una modifica introdotta dal decreto Sostegni bis, nel 2021 il credito può essere richiesto anche da chi effettua investimenti inferiori rispetto a quelli del 2020. Finestra aperta anche per chi non ha sostenuto alcuna spesa per la pubblicità nel 2020 e per tutti coloro che hanno iniziato la loro attività nel 2021.

Sono escluse dal bonus le spese sostenute per l’acquisto di spazi in programmazione o palinsesti editoriali per promuovere televendite di beni e servizi, così come gli investimenti per la trasmissione o l’acquisto di spot radio e televisivi di inserzioni o spazi promozionali relativi a servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite in denaro, di messaggeria vocale e chat-line.

Non sono valide le spese accessorie, quelle di intermediazione e ogni altra spesa che non sia l’acquisto di spazio pubblicitario.

Come si ottiene il credito? Gli interessati devono presentare nel periodo tra il 1 e il 30 settembre la Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta con i dati degli investimenti già fatti oppure in previsione; in seguito tra il 1 e il 31 gennaio dell’anno successivo va presentata la Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati; si può presentare la comunicazione attraverso i servizi disponibili nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate accedendo mediante Spid, Cns, CIE, entratel e fisconline.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

L’arte all’asta: il Met batte foto e duplicati delle opere in collezione per far fronte alla crisi
Il museo newyorkese venderà in totale 219 duplicati per una cifra stimata …
Rincari bollette, Giorgetti: “il Governo saprà tamponare”
Secondo il ministro dello Sviluppo economico, è l'Europa che deve attuare politiche …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: