Ven, 03 Dicembre
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

G20, fine prima parte. C’è l’accordo sulla minimum tax

I leader sosterranno l’accordo dell’Ocse. Macron chiede un contributo al FMI. Xi Jinping: “rafforzare coordinamento politiche macroeconomiche”

Secondo quanto si legge nella prima bozza della due giorni di vertice a Roma presieduta da Mario Draghi (ne abbiamo parlato qui), i leader del G20 sosterranno l’accordo sulla minimum tax globale (leggi qui).

«Chiediamo al quadro inclusivo Ocse/G20 di sviluppare rapidamente le regole e gli strumenti multilaterali concordati, al fine di garantire che le nuove regole entrino in vigore a livello globale nel 2023», è la dichiarazione.

«La comunità internazionale, grazie all’accordo sulla tassazione minima globale, sosterrà le persone facendo in modo che le aziende contribuiscano pagando la loro quota», ha dichiarato il presidente Usa Joe Biden nel corso del panel su Economia e salute globale.

Emmanuel Macron ha lanciato un appello per il negoziato sul Fondo Monetario Internazionale durante il vertice: «per un rilancio economico sostenibile dei Paesi che hanno bisogno del nostro sostegno, gli Stati del G20 possono insieme contribuire con l’Fmi ai 100 miliardi di dollari. Altri membri del G20 si uniscono a noi. Mi appello ai nostri altri partner».

In merito al FMI, Macron ha espresso il suo appoggio al presidente argentino Alberto Fernandez per la rinegoziazione del debito. Fernandez chiederà nel pomeriggio più tempo per pagare il debito con il Fmi al quale deve rimborsare 18 miliardi di dollari entro la fine del 2022, 19 miliardi nel 2023 e cinque miliardi nel 2024. Il premier spagnolo Pedro Sanchez ha fatto sapere che sosterrà Fernandez, facendo opera di mediazione prima che il presidente argentino incontri la direttrice del Fmi Kristalina Georgieva.

Sempre per quanto riguarda la situazione economica mondiale, il presidente cinese Xi Jinping ha fatto un appello perché venga rafforzato il coordinamento delle politiche macroeconomiche e per assicurare “la loro continuità, coerenza e sostenibilità“. Xi ha invitato i Paesi industrializzati ad adottare “politiche macroeconomiche responsabili” che scongiurino “effetti negativi sui Paesi in via di sviluppo”.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Terziario, l’Italia in espansione a novembre. E’ il settimo mese consecutivo di crescita
Il settore cresce anche nell'Eurozona ma non durerà a lungo secondo gli …
Francia, recupera la produzione industriale e torna positiva: ad ottobre +0,9%
Il dato si confronta con il -1,5% del mese precedente La produzione industriale …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: