Ven, 20 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Approvvigionamento alimentare, preoccupa lo stop all’export di grano indiano

A farne le spese saranno soprattutto i Paesi poveri di Africa e Asia. G7 Agricoltura: “India si assuma le sue responsabilità in quanto membro del G20”

«Questa decisione servirà solo ad aggravare la crisi di approvvigionamento»: così i ministri dell’Agricoltura del G7, riunitosi ieri a Stoccarda, hanno commentato la decisione dell’India di bloccare con effetto immediato le esportazioni di grano (ne abbiamo parlato qui).

«Se tutti cominciano a imporre restrizioni alle esportazioni o addirittura a chiudere i mercati, questo potrà solo aggravare la crisi con effetti negativi anche per l’India e i suoi agricoltori» è stato il commento del ministro tedesco dell’Agricoltura Cem Ozdemir, che si è rivolto direttamente a Nuova Delhi affinché “prenda le sue responsabilità in quanto membro del G20“.

A spingere l’India verso questa decisione sono stati diversi fattori. Il primo problema riguarda i costi dei generi alimentari che, nel mercato interno, sono in continuo rialzo parallelamente con l’ascesa del prezzo del grano globalmente. Annunciando la misura, il Governo indiano ha poi fatto riferimento a una carenza alimentare “dell’India, dei Paesi vicini e di altre nazioni vulnerabili

La decisione ha quindi preoccupato fortemente l’Occidente, che puntava a ricevere una buona fetta dell’approvvigionamento alimentare proprio dall’India; basti pensare che a metà febbraio il Ministero all’Agricoltura aveva previsto una produzione da record del grano (11,3 milioni di tonnellate), puntando a spedirne all’estero un record di 10 milioni di tonnellate.

Nuova Delhi è anche il secondo produttore mondiale di grano, con 93.500.000 tonnellate di produzione annuale (la prima è la Cina, a quota 131.696.392 tonnellate all’anno).

Ora, l’India assicurerà la fornitura di grano a Paesi che cerchino di “soddisfare le proprie esigenze di sicurezza alimentare” e che abbiano già emesso lettere di credito (erano già stati firmati contratti per 1,5 milioni di tonnellate).

Ad ogni modo, la decisione non farà che rialzare ulteriormente i prezzi globali, il cui peso ricadrà soprattutto i consumatori poveri in Asia e Africa.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/EPA/HARISH TYAGI

Potrebbe interessarti anche:

Palamar: “resto dentro Azovstal”
Secondo i media russi, Sviatoslav “Kalina” Palomar aveva abbandonato l’acciaieria Azovstal ieri …
Russia: “metà dei clienti europei di Gazprom ha già aperto conto in rubli”
Lo ha dichiarato il vicepresidente della Federazione Russa Novak Il vicepresidente della …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: