Gio, 15 Aprile
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Sud Italia: in 25 anni Pil sceso al 22% del totale nazionale

Ad affermarlo una ricerca dell’Ufficio studi di Confcommercio. Popolazione residente ridotta di 1,5 milioni di persone

L’economia del Sud Italia continua a rallentare. Secondo una ricerca dell’Ufficio studi di Confcommercio, infatti, negli ultimi 25 anni la quota di Pil prodotta dal Meridione sul totale nazionale è passata da oltre il 24% del 1995 al 22% del 2019, con un livello di occupazione che ha evidenziato una crescita cumulata pari ad appena un quarto della media nazionale (4,1% contro il 16,4%).

Questo fenomeno è dovuto in modo particolare alla riduzione della popolazione residente, in particolare quella giovanile, che negli stessi 25 anni si è ridotta di oltre 1,5 milioni.

Tra le principali cause di questa disparità, secondo l’Ufficio studi di Confcommercio, ci sarebbero inoltre difetti strutturali come burocrazia, criminalità e carenze infrastrutturali. Secondo quanto stimato, se tali difetti venissero ridotti in modo tale da portarne le dotazioni ai livelli osservati nelle migliori Regioni italiane, il prodotto lordo meridionale crescerebbe a fine periodo di oltre il 20%, per un valore di circa 90 miliardi di euro, rispetto ad uno scenario in assenza di interventi.

Nel frattempo le differenze continuano ad aumentare, almeno a partire dalla crisi finanziaria globale del 2008: il rapporto tra prodotto pro capite reale di un abitante del Sud rispetto a quello di un abitante del Nord-ovest scende da 0,55 (55%) a 0,52.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/ GIORGIO BENVENUTI

Ti potrebbe interessare anche:

Taranto, Invitalia sottoscrive aumento capitale di 400 mln per Ilva
Al via nuova fase di sviluppo ecosostenibile del sito di Taranto. Nasce …
Musica, all’asta una bacchetta di Rossini con base 1.500 euro
Tra i lotti all'incanto dal 19 al 21 aprile anche libri antichi, …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: