Gio, 17 Giugno
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Latte, Granarolo si rafforza nel Regno Unito ed acquista il 100% della collega inglese

Le vendite all’estero nel 2020 hanno rappresentato il 33% del totale e la crescita nel Regno Unito è stata di 2,2 punti, raggiungendo il 10,4% del totale Paese. Previste altre acquisizioni

Granarolo punta ancora sull’export e consolida la sua presenza nel mercato UK. Il colosso italiano lattiero caseario sale infatti al 100% in Granarolo Uk, annunciando di averne acquisito il restante 49% dal 51% di quota iniziale. L’obiettivo è consolidare la propria presenza nel Regno Unito, così come avvenuto in Francia. Lo rende noto l’azienda in un comunicato.

Granarolo UK Ltd è una società di diritto inglese nata nel 2013 dalla partnership tra Granarolo e Fratelli Bosco Ltd per la distribuzione nel Regno Unito di prodotti lattiero caseari. Nel 2018 è cresciuta grazie all’acquisizione del 100% del Gruppo Midland Food, distributore di prodotti alimentari freschi, ambient e surgelati nel Regno Unito.

Nel 2020 il fatturato consolidato realizzato da Granarolo UK è stato di circa 60 milioni di euro, un risultato in leggera decrescita, influenzato dalle conseguenze della pandemia nel Paese.

Per Granarolo le vendite all’estero nel 2020 hanno rappresentato il 33% del totale. L’azienda si è attestata tra i principali player nell’export di prodotti dairy italiani nel mondo, con una crescita media di 0,4 punti a volume della sua quota, arrivando a rappresentare l’8,8% del totale dairy italiano nel mondo. In particolare la crescita nel Regno Unito è stata di 2,2 punti, raggiungendo il 10,4% del totale Paese. Nel piano strategico 2021-2023 sono previste diverse acquisizioni con focus su produttori dairy nei mercati strategici.

«Il consolidamento di Granarolo UK è un tassello importante della politica di crescita del Gruppo all’estero – dichiara Gianpiero Calzolari, presidente di Granarolo S.p.A.- Il progetto è quello di replicare le positive performance raggiunte sul mercato francese dove siamo cresciuti in modo significativo raggiungendo una quota a volume del 18,5% del totale dairy italiano. Puntiamo nel corso dell’anno ad acquisire società operanti nel mercato di riferimento in Italia, in Europa e Oltre Oceano».

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Auto, boom di immatricolazioni: +73,7% a maggio ma sul 2019 -25%
Nei primi cinque mesi dell'anno sono state immatricolate 5.204.398 vetture, in crescita …
Partenza in calo per le Borse europee dopo la Fed
Non sono piaciute le indicazioni sui tassi previsti in rialzo nei prossimi …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: