Ven, 20 Maggio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

Acqua, 3,8 miliardi per la messa in sicurezza delle strutture e per la riduzione delle perdite

L’obiettivo del Mims è anche quello di colmare il divario infrastrutturale tuttora esistente tra Nord e Sud del Paese e quindi ridurre le disuguaglianze

3,8 miliardi di euro. A tanto ammontano gli investimenti previsti dal ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili per mettere in sicurezza le strutture idriche primarie del Paese e per ridurre le perdite d’acqua nella rete di distribuzione. Gli interventi sono in linea con La Giornata Mondiale dell’acqua che oggi si celebra in tutto il mondo e che quest’anno ha l’obiettivo di sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica sull’importanza di ridurre gli sprechi e di assumere comportamenti corretti anche per contrastare le conseguenze della crisi climatica.

In particolare i soldi messi in campo per migliorare la sicurezza dell’approvvigionamento ammontano ad oltre 2,4 miliardi di euro di cui due miliardi provenienti dal Pnrr e 468 milioni dal Fondo Sviluppo e Coesione (Fsc) 2014-2020. Per la riduzione delle perdite di acqua nelle reti di distribuzione sono invece previsti interventi per 1,4 miliardi di euro: 900 milioni dal Pnrr, utilizzati anche per la digitalizzazione e il monitoraggio delle reti, e 482 milioni dal programma europeo React Eu attraverso il Piano Operativo Nazione (Pon) Infrastrutture e Reti. 

«Gli investimenti sono stati programmati anche con l’obiettivo di colmare il divario infrastrutturale tuttora esistente tra Nord e Sud del Paese e quindi ridurre le disuguaglianze – ha spiegato il ministro Giovannini. – La loro realizzazione consentirà di rendere le infrastrutture idriche primarie (grandi adduttori, invasi, grandi derivazioni) efficienti e resilienti, effettuare gli indispensabili interventi di manutenzione, ridurre le perdite anche nelle reti di distribuzione, completare e eventualmente riprogettare in un’ottica più moderna i grandi sistemi idrici ancora incompiuti, soprattutto al Sud».

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: SHUTTERSTOCK

Ti potrebbe interessare anche:

Palamar: “resto dentro Azovstal”
Secondo i media russi, Sviatoslav “Kalina” Palomar aveva abbandonato l’acciaieria Azovstal ieri …
Russia: “metà dei clienti europei di Gazprom ha già aperto conto in rubli”
Lo ha dichiarato il vicepresidente della Federazione Russa Novak Il vicepresidente della …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: