Dom, 25 Luglio
/

Business24 La TV del Lavoro

Il business è POP!

M&A, l’Italia non è più così attrattiva: perde tre posizioni ed esce dalla top-30 mondiale

In cinque anni il Paese ha perso ben 23 posti in graduatoria soprattutto per fattori normativi e politici che sono poco attrattivi per gli investitori. A livello globale i campioni indiscussi sono Stati Uniti e Singapore

L’Italia non è più così attraente per l’l’m&a, ovvero per il settore delle fusioni/acquisizioni. il Paese si colloca al 36° posto, perdendo tre posizioni rispetto all’anno precedente. A dirlo sono i dati che vengono dall’ultimo Mergers and Acquisitions Attractiveness Index Score (Maais), compilato dal Mergers & Acquisitions Research Centre della Business School di Londra, secondo cui si sta assistendo ad un declino rapido e costante visto che negli ultimi cinque anni l’Italia ha perso ben 23 posizioni. 

Pesano soprattutto i fattori normativi e politici che rendono il nostro Paese poco attrattivo per gli investitori.

Tra i più virtuosi del 2020 spiccano invece Regno Unito, Arabia Saudita e Islanda. In sofferenza Brasile e Cina. Londra per esempio continua a mantenere una proposta d’investimento attraente, nonostante l’uscita dall’Ue. Nell’ultimo anno ha guadagnato due posizioni in classifica, arrivando al terzo posto in Europa, dietro Germania e Paesi Bassi, e al quinto mondiale. A favorire l’exploit britannico ci sono gli asset del Paese a livello di infrastrutture e beni, oltre alle competenze tecnologiche. 

A livello globale i campioni indiscussi della classifica sono Stati Uniti e Singapore, favoriti anch’essi da infrastrutture e beni estremamente robusti. 

di: Maria Lucia PANUCCI

FOTO: ANSA

Ti potrebbe interessare anche:

Bonus vacanze per chi si vaccina: la proposta
L'idea è di premiare chi completa il ciclo vaccinale e garantire la …
Gosens, l’asta per gli alluvionati in Germania
Il campione della Nazionale apre un'asta benefica online con maglie e scarpe …

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: